Spiaggia di Bulala quale prospettiva?

Informazioni su cosa è il naturismo, discussioni su aspetti e problematiche inerenti la pratica naturista. Articoli, video, recensioni su libri inerenti al naturismo e alla pratica naturista.
Avatar utente
marchino
Messaggi: 79
Iscritto il: 12/04/2016, 21:28

Spiaggia di Bulala quale prospettiva?

Messaggio da marchino » 27/02/2019, 22:41

Leggendo alcune informazioni riguardo alla spiaggia di Bulala nel comune di Gela ho appreso che è stata autorizzata nel 2016 con un ordinanza dell'allora sindaco alla frequentazione naturista, ma purtroppo a causa delle condizioni ambientali (presenza di inquinanti e rifiuti di vario genere) la spiaggia non è frequentata.
Un vero peccato considerando anche che il tratto di spiaggia adibito alla pratica naturista è lungo 6 Km.
Ad oggi vorrei sapere se qualcosa e stato fatto per poterla rendere fruibile o tutto è rimasto com'era.
naturistasicano
Messaggi: 42
Iscritto il: 16/12/2017, 10:55

Messaggio da naturistasicano » 28/02/2019, 9:31

Purtroppo chi vorrebbe occuparsene abita ad oltre 3 ore di strada (di non fluida percorrenza), mentre gli orientali preferiscono andare nelle zone limiitrofe Priolo (che è ancora attiva, che ancora denuncia tumori e malformazioni e così via). In questi anni qualunque dibattito è stato inutile, pure l'evidenziare che la parte ad est contiene la riserva naturale del Biviere quasi limitrofa alla frequentatissima spiaggia di Scoglitti e non ha avuto seguito la proposta di fare rete con le associazioni ambientaliste locali per promuovere il sito (loro si danno comuqnue da fare e promuovono attività di pulizia della spiaggia). Quando mi sento dire che Legambiente riceve soldi per mettere le bandiere mi rendo conto che l'interlocutore non ha gli strumenti culturali ne naturisti necessari per affrontare la discussione, vedasi anche l'interpretazione personale della gurs in materia di balneazione. Ad esso si aggiunge una non serena situazione comunale (Gela) e le varie azioni di sabotaggio di alcuni locali che hanno interesse a mantenere deserta la zona e la stampa che essendo contro l'amministrazione enfatizza solo gli aspetti negativi. Per quel che mi riguarda le poche volte che sono andato ho visto persone frequentarla, senza costume e di nesuna associazione, beati e felici, zone effettivamente sabotate con materiali di risulta ma anche zone capolavoro della natura.
IMG_20170514_112220.jpg
IMG_20170514_112217.jpg
IMG_20170514_112210.jpg
IMG_20170514_110401.jpg
Avatar utente
sergino
Messaggi: 2433
Iscritto il: 04/02/2012, 15:02
Località: Caprino Bergamasco, sono un componente del Consiglio Direttivo di A.N.ITA.
Contatta:

Messaggio da sergino » 28/02/2019, 21:20

naturistasicano ha scritto:Purtroppo chi vorrebbe occuparsene abita ad oltre 3 ore di strada (di non fluida percorrenza), mentre gli orientali preferiscono andare nelle zone limiitrofe Priolo (che è ancora attiva, che ancora denuncia tumori e malformazioni e così via). In questi anni qualunque dibattito è stato inutile, pure l'evidenziare che la parte ad est contiene la riserva naturale del Biviere quasi limitrofa alla frequentatissima spiaggia di Scoglitti e non ha avuto seguito la proposta di fare rete con le associazioni ambientaliste locali per promuovere il sito (loro si danno comuqnue da fare e promuovono attività di pulizia della spiaggia). Quando mi sento dire che Legambiente riceve soldi per mettere le bandiere mi rendo conto che l'interlocutore non ha gli strumenti culturali ne naturisti necessari per affrontare la discussione, vedasi anche l'interpretazione personale della gurs in materia di balneazione. Ad esso si aggiunge una non serena situazione comunale (Gela) e le varie azioni di sabotaggio di alcuni locali che hanno interesse a mantenere deserta la zona e la stampa che essendo contro l'amministrazione enfatizza solo gli aspetti negativi. Per quel che mi riguarda le poche volte che sono andato ho visto persone frequentarla, senza costume e di nessuna associazione, beati e felici, zone effettivamente sabotate con materiali di risulta ma anche zone capolavoro della natura.
da quanto scrivi, sia qui che in altri post sull'argomento, ci sarebbe il concreto rischio che la spiaggia, così come è nata, muoia grazie alla cecità dei naturisti locali che snobbano questi 6 KM di costa dedita al naturismo.
Mi ricordo che allorquando gli amministratori locali autorizzarono al naturismo questa spiaggia, di loro spontanea volontà, vi era una recondita speranza di attirare in zona, in questo modo, una cospicua fetta di turismo, ma la preveggenza degli amministratori, collegata ad una ricostruzione storica del naturismo che in quei pressi vide una importante esperienza, sembra non essere stata colta da noi naturisti.
Cosa potrebbe fare una associazione come A.N.ITA. per promuovere questo immenso angolo di costa, avendo ben poche energie nella bellissima isola che ti vede risiedere?
Grazie per le foto postate!
Sergio
Direttivo A.N.ITA.
naturistasicano
Messaggi: 42
Iscritto il: 16/12/2017, 10:55

Messaggio da naturistasicano » 01/03/2019, 9:58

Si dovrebbe trovare qualche mente illuminata della zona che si faccia carico di intessere ed intrattenere rapporti con le istituzioni e le associazioni col patrocinio della nostra Associazione. Attendevo qualche risposta ma...
Si vocifera che Torre Salsa non sarà più fruibile, vuoi per la pioggia che ha cancellato alcuni accessi, vuoi per gli episodi accaduti l'estate scorsa che hanno preoccupato i fruitori... Forse tale mancanza sarà portatrice di nuovi impulsi, ma solo per quelli che davvero vivono il naturismo...
Avatar utente
giampi
Messaggi: 466
Iscritto il: 22/02/2012, 23:34

Messaggio da giampi » 01/03/2019, 21:03

Concordo con Sergio che sarebbe un vero peccato perdere un'opportunità solo perchè non si è capaci di giocare una scommessa di far rivivere un'area.
E' cosa rara che un'amministrazione comunale individui un'area per la pratica Naturista.
Va detto che quando io e Paola ci siamo passati due anni fa ho rinunciato ad andare su questa spiaggia perchè viaggiando in camper non sono riuscito a capire come raggiungerla e soprattutto dove lasciare il mezzo in un posto sicuro. E' un po' la pecca che ho riscontrato nelle varie spiagge Naturiste siciliane, tranne che la foce dei platani. Io credo che se si vuole sviluppare il turismo Naturista, ben oltre la frequentazione locale, si debba fare uno sforzo per creare opportunità di accoglienza per chi, come noi, si fa oltre 1500 km per raggiungere questa stupenda isola, terra ricca di cultura, storia e eccellenze ambientali, senza dimenticare la cultura gastronomica che rende unica questa terra.
Naturistasicano contiamo su di te per crearci opportunità di vivere il Naturismo siciliano, per noi che siciliani non lo siamo.
Salvo imprevisti la prossima estate torneremo in terra sicula e magari potremmo organizzare una giornata A.N.ITA. alla spiaggia di Bulala dove incontrare gli amici naturisti siciliani e coloro che nell'amministrazione comunale hanno creduto nel Naturismo
ciao
giampi
Giampietro Tentori - Presidente A.N.ITA.
Avatar utente
marchino
Messaggi: 79
Iscritto il: 12/04/2016, 21:28

Messaggio da marchino » 04/03/2019, 15:14

Anche questa sembra essere una valida e bella proposta di spiaggia naturista che purtroppo a causa di problemi legati agli aspetti di natura ambientale riguardanti il territorio sembra possa andare a sfumare.
Un vero peccato considerando che sono ben 6 chilometri di spiaggia libera e autorizzata da una delibera comunale alla pratica del naturismo.
Ed anche un vero peccato perché non è sovente che una giunta comunale autorizzi una spiaggia ad uso naturista, una spiaggia che se rivalutata potrebbe diventare un vero paradiso per i naturisti.
Propenderei a tener conto anche di questi due fattori, la pratica naturista in questa spiaggia è autorizzata e non si incorre in sanzioni pecuniarie, l’utilizzo della stessa come deposito materiale di risulta (scarti Immondizia) no! Dovrebbero farsene carico le varie giunte comunali visto che l’hanno autorizzata e liberalizzata, e anche gli stessi naturisti se si vuole creare un circolo virtuoso con le varie autorità e venire anche in questo modo tenuti in considerazione.
Se poi i naturisti sono di altro avviso questo mi dispiace molto.
Rischiamo veramente di perdere qualcosa di bello che ci è stato regalato.
nudomark
Messaggi: 1601
Iscritto il: 12/01/2012, 17:48
Località: Como

Messaggio da nudomark » 04/03/2019, 17:46

Credo che dovrebbe occuparsene l'associazione locale per logica.
Forse i siciliani sono più concentrati altrove.
naturistasicano
Messaggi: 42
Iscritto il: 16/12/2017, 10:55

Messaggio da naturistasicano » 04/03/2019, 19:27

L'associazione locale ha più volte espresso, anche in questo forum tramite portavoce, il proprio disinteresse.
nudomark
Messaggi: 1601
Iscritto il: 12/01/2012, 17:48
Località: Como

Messaggio da nudomark » 05/03/2019, 2:25

naturistasicano ha scritto:L'associazione locale ha più volte espresso, anche in questo forum tramite portavoce, il proprio disinteresse.
Parlavo per logica...evidentemente non è il solo metodo di ragionamento... ;)
Avatar utente
marchino
Messaggi: 79
Iscritto il: 12/04/2016, 21:28

Messaggio da marchino » 05/03/2019, 16:43

Tutti dovrebbero occuparsi dell'integrità, del mantenimento e della salvaguardia di questa spiaggia indipendentemente dal tipo di associazione, ente o di fruizione a cui è stata destinata.
Il pianeta in cui viviamo è la nostra casa e penso che a nessuno faccia piacere vivere in mezzo all'immondizia degli altri.
Rispondi