World Congress INF-FNI 7-10 ottobre 2021

Sezione dedicata alla pubblicazione di eventi e incontri naturisti o inerenti alla promozione dell'idea naturista.
Avatar utente
cescoballa
Messaggi: 2425
Iscritto il: 14/01/2012, 17:48
Località: Cesano Boscone(MI)
Contatta:

Re: World Congress INF-FNI 7-10 ottobre 2021

Messaggio da cescoballa » 08/10/2021, 22:48

giampi ha scritto:
08/10/2021, 21:47
I soci della FENAIT sono le associazioni, tra le quali A.N.ITA. Per Enti di secondo livello si intendono proprio quegli Enti, per lo più federativi, che riuniscono diverse associazioni al fine di fornire loro servizi.
I Naturisti si iscrivono alle associazioni.
Personalmente spero che un giorno si arrivi ad avere in Italia un'unica grande associazione.
Che naturalmente non potrà essere che l'A.N.ITA. con buona pace di tutte le altre Associazioni naturiste in Italia :D :D .
Noi siamo i più belli, i più bravi, i più forti, gli unici veri naturisti in Italia; gli altri sono: autoreferenziali, inattivi, incapaci di promuovere il naturismo ma soprattutto inutili.
Viva il pensiero unico e guai a chi non è con noi ;) :) .
Francesco
Francesco Ballardini
Socio A.N.ITA. dal 1998.
Avatar utente
cescoballa
Messaggi: 2425
Iscritto il: 14/01/2012, 17:48
Località: Cesano Boscone(MI)
Contatta:

Messaggio da cescoballa » 08/10/2021, 23:06

sergino ha scritto:
08/10/2021, 18:00
cescoballa ha scritto:
08/10/2021, 10:48
Anche se l'argomento non ha sollevato l'interesse che mi aspettavo e che, a mio parere, merita, informo che la mozione presentata dalla FENAIT al World Congress INF/FNI è stata accolta e approvata; d'ora in poi una Federazione nazionale potrà distribuire bollini INF/FNI solo ad Associazioni della sua nazione; il pratica LNV (la Federazione del Lichestein) non potrà più dare bollini all'Associazione UNI che ha sede ed opera in Italia.
Complimenti alla delegazione italiana ed in particolare alla Presidente Lele Fornaca e al Segretario Andrea Mirabilio per aver messo fine a questa situazione anomala e, a mio giudizio, illegale.
Francesco
Non capisco la fretta di pubblicare. Andrea Mirabilio non aveva forse scritto di aspettare a darne notizia?

Comunque è assurdo che iniziative così importanti non vengano comunicate ai Presidenti delle associazioni naturiste (così come la notizie della presentazione della mozione FENAIT, nei giorni scorsi), e che queste, si debbano apprenderle su chat private, o da interposte persone in modo ufficioso....
Per dirla con le parole del Presidente A.N.ITA. e che condivido appieno."Sinceramente spero che i bollini non vengano più richiesti per entrare in un campeggio. Sino a quando non si capirà che la FENAIT deve svolgere il ruolo di servizio alle associazioni e rappresentarle all'estero, saremo sempre al punto di oggi...". Dove, aggiungo io, FENAIT si sta comportando come se fosse a capo delle associazioni ed alle volte come una associazione che va ad aggiungersi alle già innumerevoli associazioni naturiste italiane, ma questo è solo un mio opinabile pensiero.
1) Andrea Mirabilio (in una chat "privata" su WhatsApp) diceva di aspettare a pubblicare sul sito ufficiale e facebook della FENAIT ; se la cosa doveva rimanere "segreta" non l'avrebbe scritto su una chat "privata" che vede la partecipazione di una trentina di persone (compreso te e il Presidente A.N.ITA.).
2) Che la mozione veniva presentata mi risulta che fosse stato comunicato ai vari Presidenti di Associazione; in ogni caso era il C.D. FENAIT che doveva decidere in proposito. È comunque strano che prima si accusi la FENAIT di non fare niente per questa anomalia e quando lo fa venga criticata.
3) Sul ruolo della Federazione ti invito a rileggere lo statuto della stessa; c'è già una discussione aperta in proposito e qui sei O.T. per cui non rispondo al tuo "opinabile pensiero".
Francesco
Francesco Ballardini
Socio A.N.ITA. dal 1998.
marco invernizzi
Messaggi: 26
Iscritto il: 20/07/2021, 13:44

Messaggio da marco invernizzi » 09/10/2021, 1:34

Boh. Capiró.
Avatar utente
sergino
Messaggi: 2762
Iscritto il: 04/02/2012, 15:02
Località: Caprino Bergamasco, sono un componente del Consiglio Direttivo di A.N.ITA.
Contatta:

Messaggio da sergino » 09/10/2021, 10:43

marco invernizzi ha scritto:
08/10/2021, 21:19
Ma Anita fa parte di Fenait? Leggendo qui commenti di suoi membri sembrerebbe di no. Qualcuno mi spiega per favore. Pensavo di tesserarmi in Italia ma ora ho ancora più dubbi. In Francia le cose vanno ben diversamente. Qui vedo e leggo solo negatività.
E' diversa la situazione Italiana da quella Francese, qui abbiamo un numero spropositato di associazioni...

Non sono per nulla d'accordo nel definire negatività le pur doverose critiche che fanno in molti all'interno di A.N.ITA, in tutte le critiche vi è sempre l'intenzione di andare avanti, di uscire da concezioni vecchie e superate, ma queste a fatica vengono colte...

FENAIT esce da una situazione deplorevole e del tutto italiana, dove piccoli interessi e ricerca di piccoli ed effimeri poteri, hanno avvelenato il mondo naturista del nostro paese ed in parte ne hanno condizionato il futuro.

Voltare pagina dovrebbe essere la medicina ma per far ciò bisogna abbattere il muro di personalismi e "primedonne" (mi spiace usare questo termine sessista, ma rende), che continua ad essere presente.

Noi ci stiamo tentando, con molta fatica.

Mi rendo conto che stiamo andando molo fuori tema, ma la criticità che sta dietro a questa buona notizia (che fa sperare in un cambiamento futuro anche a livello di gestione internazionale del naturismo), meritava d'esser messa in evidenza.
Sergio
Direttivo A.N.ITA.
Avatar utente
cescoballa
Messaggi: 2425
Iscritto il: 14/01/2012, 17:48
Località: Cesano Boscone(MI)
Contatta:

Messaggio da cescoballa » 09/10/2021, 14:19

Alelid ha scritto:
08/10/2021, 20:20
Nell'allegato pubblicato da Francesco leggo all'art 6 punto IV che le federazioni possono vendere i bollini direttamente anche ai singoli individui, indipendentemente dal paese in cui vivono. Era già così o è una novità? Perchè le federazioni dovrebbero (o vorrebbero) vendere i bollini? Forse ci sono paesi in cui esiste una sola associazione che svolge anche il ruolo di federazione nei confronti di INF, ma negli altri casi perchè le federazioni dovrebbero scavalcare le associazioni, comprese quelle del paese di residenza di un socio straniero? Tra l'altro, può darsi che mi sbagli, mi pareva di aver inteso che a livello nazionale ci sia una specie di black list di persone espulse dalle associazioni. E' un modo per farle rientrare dalla finestra?
In effetti, caro Alessandro, ogni Federazione nazionale ha regole diverse perché diversa è la legislazione in ogni paese; come h ben scritto Giampi in Italia non è possibile dare bollini ai singoli essendo la FENAIT un'associazione di secondo livello e può avere come soci solo altre Associazioni.
Non so se ci siano paesi con una sola Associazione che funge anche da Federazione, a me non risulta, ma ci sono paesi in cui fino a due anni fa c'era solo la Federazione (il Liechtenstein) e che solo da due anni hanno "federato" un'associazione con sede legale e operatività in Italia (l'UNI).
I casi di un naturista che si iscriva, come socio, direttamente ad una Federazione diversa da quella del suo paese sono molto rari e non sono certamente per aggirare la "black list" della Federazione della sua nazione; più comune è che un naturista si iscriva ad un'associazione di un paese diverso da quello di residenza (A.N.ITA., ad esempio, mi risulta che abbia vari associati svizzeri e di altri paesi esteri).
Mi auguro di averti chiarito qualche dubbio 😉.
Francesco
Francesco Ballardini
Socio A.N.ITA. dal 1998.
Avatar utente
cescoballa
Messaggi: 2425
Iscritto il: 14/01/2012, 17:48
Località: Cesano Boscone(MI)
Contatta:

Messaggio da cescoballa » 09/10/2021, 14:26

Su alcuni temi non rispondo in quanto mi pare che si sia abbondantemente O.T. e, come ho già scritto, c'è una discussione già aperta su questo.
Attenendomi al tema della discussione in oggetto, il World Congress INF/FNI, comunico, ma molti già lo sanno, che è stata approvata anche la mozione della Federazione Francese la quale limita i mandati del Presidente.
Aspettiamo la fine del congresso per capire se il rinnovamento di cui c'è tanto bisogno sarà reale😉🙂.
Francesco
Francesco Ballardini
Socio A.N.ITA. dal 1998.
Avatar utente
sergino
Messaggi: 2762
Iscritto il: 04/02/2012, 15:02
Località: Caprino Bergamasco, sono un componente del Consiglio Direttivo di A.N.ITA.
Contatta:

Messaggio da sergino » 09/10/2021, 21:39

Il nuovo presidente INF il Canadese Stephane Deschenes
Presidente INF.jpeg
Sergio
Direttivo A.N.ITA.
Avatar utente
giuseppe isacchi
Messaggi: 389
Iscritto il: 18/01/2013, 11:14

Messaggio da giuseppe isacchi » 09/10/2021, 22:07

Notizie sul ricorso FENAIT?
Giuseppe Isacchi
Avatar utente
cescoballa
Messaggi: 2425
Iscritto il: 14/01/2012, 17:48
Località: Cesano Boscone(MI)
Contatta:

Messaggio da cescoballa » 09/10/2021, 22:17

giuseppe isacchi ha scritto:
09/10/2021, 22:07
Notizie sul ricorso FENAIT?
Questo l'ho scritto,prendendomi le bacchettate da Sergino, ieri alle 9,48:
"Anche se l'argomento non ha sollevato l'interesse che mi aspettavo e che, a mio parere, merita, informo che la mozione presentata dalla FENAIT al World Congress INF/FNI è stata accolta e approvata; d'ora in poi una Federazione nazionale potrà distribuire bollini INF/FNI solo ad Associazioni della sua nazione; il pratica LNV (la Federazione del Lichestein) non potrà più dare bollini all'Associazione UNI che ha sede ed opera in Italia.
Complimenti alla delegazione italiana ed in particolare alla Presidente Lele Fornaca e al Segretario Andrea Mirabilio per aver messo fine a questa situazione anomala e, a mio giudizio, illegale."
Francesco
Francesco Ballardini
Socio A.N.ITA. dal 1998.
Francesco Ballardini
Socio A.N.ITA. dal 1998.
Avatar utente
giuseppe isacchi
Messaggi: 389
Iscritto il: 18/01/2013, 11:14

Messaggio da giuseppe isacchi » 10/10/2021, 7:40

Questa è una grande notizia! Grazie Francesco.
Giuseppe Isacchi
Rispondi