Legalizzare il nudo mediante autorizzazione aree?

Sezione dedicata agli aspetti legali inerenti la pratica naturista.
Avatar utente
Alelid
Messaggi: 298
Iscritto il: 26/02/2016, 20:37

Re: Legalizzare il nudo mediante autorizzazione aree?

Messaggio da Alelid » 26/03/2018, 1:11

Una volta tanto sono d'accordo con Luzipan, non in nome di quello che qualcuno una volta veniva spregiativamente detto gradualismo o riformismo, ma perché nessuno vedrebbe il significato e il piacere della nudità se non spermentandolo letteralmente sulla propria pelle lì dove è possibile farlo ora. Probabilmente abitiamo su pianeti diversi perchè sulla Terra non c'è paese in cui il diritto di non coprirsi sia riconosciuto in assoluto e neppure rivendicato da gruppi non dico maggioritari ma neppure consistenti. Non è certo l'obbiettivo dell'Associazione di cui faccio parte, il cui statuto ha come finalità "promuovere e diffondere la pratica del Naturismo e i suoi valori fondamentali per la società, la famiglia e l'educazione civile, divulgandone i benefici e adoperandosi per la sua accettazione e legittimazione", che non mi piare un programma rivoluzionario ma anzi rivolto all'accettazione legale del naturismo.
A differenza di quanto afferma Paolobolsena, non comprendo affatto le "implicazioni storico-politiche che hanno prodotto le megasanzioni contemporanee" se non nell'ipocrisia di un sistema politico che ha trasformato un reato penale ormai superato dalla società e inapplicabile nei fatti, in un rapido e efficace sistema di sanzioni economiche.
Invece trovo interessante l'osservazione, sempre di Paolobolsena, su "trasformazione e mascheramento". A mio avviso l'Italia non è il paese nudofobo che descrive Luzipan. Il Rinascimento ricordato da Capitanuncino ha lasciato il suo segno e gli italiani sono i soli che non comprano ridacchiando le cartoline con gli attributi sessuali del David di Michelangelo, mentre in diversi altri paesi c'è chi chiede di rimuovere i quadri di nudo dai musei o dai social media. Qui nessuno si stupisce del nudo durante una sfilata o in uno spettacolo, ed è evidente a tutti che il presunto scandalo per la farfallina di Belen sia solo una trovata pubblicitaria. Però il naturismo ha meno diffusione che in molti altri paesi perchè più che altrove qui piace mascherarsi e trasformarsi in ciò che non siamo. Questo ovviamente genera frustrazione, insoddisfazione, volontà di assecodare i modelli prevalenti che si tratti di abbigliamento, auto, vacanze... E' noto che il concetto di "bella figura" è tipicamente italiano e questa passione per i "like" ante litteram sottintende ovviamente una forte dose di conformismo per adeguarsi a ciò che si crede apprezzato e condiviso dagli altri. Paradossalmente in Italia ha fatto più per il naturismo la foto di Gianni Agnelli nudo al timone del suo yacht che l'impegno di tutte le associazioni naturiste. Quindi ben vengano anche l'interesse economico, il turismo naturista, il nudismo a Formentera, persino Noella 2000 se serve. Finchè varranno le regole di Facebook, qui in Italia non si fa un passo.
Alessandro e Lidia
luzypan
Messaggi: 344
Iscritto il: 29/08/2017, 10:06

Messaggio da luzypan » 26/03/2018, 21:23

paolobolsena ha scritto:Beh in realtà la storia insegna che i diritti più rilevanti si sono affermati attraverso rivoluzioni talvolta sanguinose [...]

Insomma occupiamoci di spiagge e buonanotte :)

Dipende dall'epoca storica e dal grado di libertà negata.

Occuparsi di spiagge, a me pare una cosa fondamentale.
luzypan
Messaggi: 344
Iscritto il: 29/08/2017, 10:06

Messaggio da luzypan » 26/03/2018, 21:44

Alelid ha scritto:Paradossalmente in Italia ha fatto più per il naturismo la foto di Gianni Agnelli nudo al timone del suo yacht che l'impegno di tutte le associazioni naturiste.

la ragazza di Bologna... Chi la conosce le chieda perché non va anche in spiaggia...
Rispondi