Lombardia - Porto d'Adda (LC)

Informazioni e recensioni su località e strutture dove praticare naturismo in Italia.
Ale1993
Messaggi: 50
Iscritto il: 31/12/2019, 9:41
Località: Bergamo (provincia)

Re: Lombardia - Porto d'Adda (LC)

Messaggio da Ale1993 » 14/08/2020, 15:56

emmeicsics ha scritto:
14/08/2020, 14:26
Ale1993 ha scritto:
14/08/2020, 13:22
Ok, ma perché rischiare di essere sanzionati ed andare in ricorso? Se l'Italia non è interessata alle entrate che i luoghi nudisti/naturisti producono, basta continuare a far crescere il mercato che già c'è all'estero, anche se scomodo per diverse persone. In Italia si organizzano eventi privati, come in spa in inverno. Sbaglio?
Naturismo e/o nudismo hanno a che vedere prioritariamente con i diritti non col business. Quindi c'è chi desidera far valere i propri diritti anche in tribunale, se e quando serve.

ciao
Massimo
Ok.
Alessandro
In A.N.ITA. dal 30/12/2019
matteo.nudo
Messaggi: 86
Iscritto il: 22/07/2020, 11:59
Località: Milano (ma sono valdostano)

Messaggio da matteo.nudo » 14/08/2020, 17:09

Ale1993 ha scritto:
14/08/2020, 13:22
sergino ha scritto:
14/08/2020, 13:13
Ale1993 ha scritto:
14/08/2020, 10:04


Sinceramente, preferisco perdere del tempo in altro, perché fare ricorso non ci si impiega un giorno, ho già avuto esperienza in questo.
Abbiamo costituito una cassa di solidarietà per evenienze del genere (che andrebbe comunque di tanto in tanto sostenuta) e come associazione diamo anche sostegno, del resto se preferisci pagare in silenzio: le sanzioni amministrative per il 726 vanno da un minimo di € 5.000,00 ed un massimo di € 10.000,00.
Ok, ma perché rischiare di essere sanzionati ed andare in ricorso? Se l'Italia non è interessata alle entrate che i luoghi nudisti/naturisti producono, basta continuare a far crescere il mercato che già c'è all'estero, anche se scomodo per diverse persone. In Italia si organizzano eventi privati, come in spa in inverno. Sbaglio?
Nemmeno io sono d'accordo. Anch'io a volte mi dico: "Che palle vivere in questo Paese, in cui uno non può avere neanche la libertà di stare nudo. Quasi quasi lo lascio e me ne vado in Germania, dove la nudità è più tollerata." Ma poi mi dico: "Sarebbe troppo facile. Il mondo si cambia affrontando i problemi, non evitandoli."
Ale1993
Messaggi: 50
Iscritto il: 31/12/2019, 9:41
Località: Bergamo (provincia)

Messaggio da Ale1993 » 15/08/2020, 11:39

matteo.nudo ha scritto:
14/08/2020, 17:09
Ale1993 ha scritto:
14/08/2020, 13:22
sergino ha scritto:
14/08/2020, 13:13

Abbiamo costituito una cassa di solidarietà per evenienze del genere (che andrebbe comunque di tanto in tanto sostenuta) e come associazione diamo anche sostegno, del resto se preferisci pagare in silenzio: le sanzioni amministrative per il 726 vanno da un minimo di € 5.000,00 ed un massimo di € 10.000,00.
Ok, ma perché rischiare di essere sanzionati ed andare in ricorso? Se l'Italia non è interessata alle entrate che i luoghi nudisti/naturisti producono, basta continuare a far crescere il mercato che già c'è all'estero, anche se scomodo per diverse persone. In Italia si organizzano eventi privati, come in spa in inverno. Sbaglio?
Nemmeno io sono d'accordo. Anch'io a volte mi dico: "Che palle vivere in questo Paese, in cui uno non può avere neanche la libertà di stare nudo. Quasi quasi lo lascio e me ne vado in Germania, dove la nudità è più tollerata." Ma poi mi dico: "Sarebbe troppo facile. Il mondo si cambia affrontando i problemi, non evitandoli."
Ok, io ho altre priorità.
Non conosco molto bene la procedura per riuscire a far diventare una zona pubblica nudista, ma non ci sono altri modi? Cioè invece di andare nel comune di pertinenza, perché non far arrivare il messaggio direttamente alla popolazione? Una volta che si arriva ad un numero di persone importante si fa in modo di far passare la zona nudista. Magari quello che ho scritto è già stato fatto... comunque ci sono diversi siti per raccolta di firme, se avete bisogno ditemelo.
Alessandro
In A.N.ITA. dal 30/12/2019
matteo.nudo
Messaggi: 86
Iscritto il: 22/07/2020, 11:59
Località: Milano (ma sono valdostano)

Messaggio da matteo.nudo » 15/08/2020, 15:12

Ale1993 ha scritto:
15/08/2020, 11:39
matteo.nudo ha scritto:
14/08/2020, 17:09
Ale1993 ha scritto:
14/08/2020, 13:22


Ok, ma perché rischiare di essere sanzionati ed andare in ricorso? Se l'Italia non è interessata alle entrate che i luoghi nudisti/naturisti producono, basta continuare a far crescere il mercato che già c'è all'estero, anche se scomodo per diverse persone. In Italia si organizzano eventi privati, come in spa in inverno. Sbaglio?
Nemmeno io sono d'accordo. Anch'io a volte mi dico: "Che palle vivere in questo Paese, in cui uno non può avere neanche la libertà di stare nudo. Quasi quasi lo lascio e me ne vado in Germania, dove la nudità è più tollerata." Ma poi mi dico: "Sarebbe troppo facile. Il mondo si cambia affrontando i problemi, non evitandoli."
Ok, io ho altre priorità.
Non conosco molto bene la procedura per riuscire a far diventare una zona pubblica nudista, ma non ci sono altri modi? Cioè invece di andare nel comune di pertinenza, perché non far arrivare il messaggio direttamente alla popolazione? Una volta che si arriva ad un numero di persone importante si fa in modo di far passare la zona nudista. Magari quello che ho scritto è già stato fatto... comunque ci sono diversi siti per raccolta di firme, se avete bisogno ditemelo.
Sì è una buona idea, ma mi è sembrato di capire che la gente non è davvero interessata, anche se si tratta di un qualcosa che permette di stare nudi anche in pubblico.
Quali siti di raccolta di firme conosci?
Ale1993
Messaggi: 50
Iscritto il: 31/12/2019, 9:41
Località: Bergamo (provincia)

Messaggio da Ale1993 » 15/08/2020, 15:35

matteo.nudo ha scritto:
15/08/2020, 15:12
Ale1993 ha scritto:
15/08/2020, 11:39
matteo.nudo ha scritto:
14/08/2020, 17:09


Nemmeno io sono d'accordo. Anch'io a volte mi dico: "Che palle vivere in questo Paese, in cui uno non può avere neanche la libertà di stare nudo. Quasi quasi lo lascio e me ne vado in Germania, dove la nudità è più tollerata." Ma poi mi dico: "Sarebbe troppo facile. Il mondo si cambia affrontando i problemi, non evitandoli."
Ok, io ho altre priorità.
Non conosco molto bene la procedura per riuscire a far diventare una zona pubblica nudista, ma non ci sono altri modi? Cioè invece di andare nel comune di pertinenza, perché non far arrivare il messaggio direttamente alla popolazione? Una volta che si arriva ad un numero di persone importante si fa in modo di far passare la zona nudista. Magari quello che ho scritto è già stato fatto... comunque ci sono diversi siti per raccolta di firme, se avete bisogno ditemelo.
Sì è una buona idea, ma mi è sembrato di capire che la gente non è davvero interessata, anche se si tratta di un qualcosa che permette di stare nudi anche in pubblico.
Quali siti di raccolta di firme conosci?
Io avevo fatto la mia "firma" a diverse rischiesete usando firmiamo.it, poi ce ne sono diverse...
Alessandro
In A.N.ITA. dal 30/12/2019
matteo.nudo
Messaggi: 86
Iscritto il: 22/07/2020, 11:59
Località: Milano (ma sono valdostano)

Messaggio da matteo.nudo » 15/08/2020, 19:38

A me viene in mente www.change.org.
Ale1993
Messaggi: 50
Iscritto il: 31/12/2019, 9:41
Località: Bergamo (provincia)

Messaggio da Ale1993 » 15/08/2020, 20:45

matteo.nudo ha scritto:
15/08/2020, 19:38
A me viene in mente www.change.org.
Si anche, non so in base a cosa bisogna valutare, non ne ho mai fatta una io.
Alessandro
In A.N.ITA. dal 30/12/2019
matteo.nudo
Messaggi: 86
Iscritto il: 22/07/2020, 11:59
Località: Milano (ma sono valdostano)

Messaggio da matteo.nudo » 16/08/2020, 11:23

Il mio criterio di valutazione è il seguente: il rapporto interpersonale. Preferisco sempre optare per strumenti che fanno uso del dialogo tra le persone per portare avanti le cose. Change.org è una piattaforma sicuramente utile (è anche la più famosa), ma non conoscendo chi c'è dietro non sai come portano avanti la tua richiesta e chi la porta avanti. Diverso invece è il caso di associazioni come l'A.n.ita. (o similari), che è costituita da nudisti e naturisti, quindi da persone che hanno tutto l'interesse a portare avanti la richiesta di un nuovo luogo in cui stare nudi.
Ale1993
Messaggi: 50
Iscritto il: 31/12/2019, 9:41
Località: Bergamo (provincia)

Messaggio da Ale1993 » 16/08/2020, 11:51

matteo.nudo ha scritto:
16/08/2020, 11:23
Il mio criterio di valutazione è il seguente: il rapporto interpersonale. Preferisco sempre optare per strumenti che fanno uso del dialogo tra le persone per portare avanti le cose. Change.org è una piattaforma sicuramente utile (è anche la più famosa), ma non conoscendo chi c'è dietro non sai come portano avanti la tua richiesta e chi la porta avanti. Diverso invece è il caso di associazioni come l'A.n.ita. (o similari), che è costituita da nudisti e naturisti, quindi da persone che hanno tutto l'interesse a portare avanti la richiesta di un nuovo luogo in cui stare nudi.
Ok!
Alessandro
In A.N.ITA. dal 30/12/2019
Rispondi