Naturismo e veg****esimo

Informazioni su cosa è il naturismo, discussioni su aspetti e problematiche inerenti la pratica naturista. Articoli, video, recensioni su libri inerenti al naturismo e alla pratica naturista.
Avatar utente
Enrico Amoroso
Messaggi: 291
Iscritto il: 19/01/2020, 3:00
Contatta:

Naturismo e veg****esimo

Messaggio da Enrico Amoroso » 01/10/2021, 12:28

marco invernizzi ha scritto:
30/09/2021, 11:08
...
La tematica la conosco molto bene, il voler sempre a tutti i costi associare il naturismo con tale pratica sconsiderata (altro è l'essere vegetariani) è del tutto fuori luogo.
Spesso intransigente è il tuo modo i moderare questo forum ho ahimè notato. Ma questo è OT. Di sicuro valuterò la mia presenza qui, moderare significa dialogare non ergersi a maestrine con la penna rossa!
“Il naturismo è un modo di vivere in armonia con la natura caratterizzato dalla pratica della nudità in comune che ha lo scopo di favorire il rispetto di se stessi, il rispetto degli altri e quello dell’ambiente”.
Rispetto dell'ambiente e rispetto degli "altri", che per me sono tutti i viventi, e anche da questa linea di pensiero che deriva la mia scelta vegana.
Personalmente non ho mai attaccato gli onnivori, ovvero coloro che ritengono che la carne faccia parte da sempre dell'alimentazione umana anche se fisicamente non siamo dotati dei mezzi naturali che hanno i veri onnivori ed i carnivori, al massimo mi è capitato di discuterci ed in questo topic mi sembra che nessuno abbia attaccato chi mangia carne per cui trovo del tutto fuori luogo le tue considerazioni un pizzico offensive <<tale pratica sconsiderata>>. Da diversi decenni conosco persone vegane che stanno benissimo in salute mentre ormai tutti dovremmo conoscere sia le malattie che una alimentazione carnea può provocare sia il fatto che gli allevamenti degli animali, per l'alimentazione carnea e derivati, sta contribuendo, in maniera diretta ed indiretta, alla distruzione planetaria con il loro contributo, rilevante, all'effetto serra ed all'inquinamento derivante dalle deiezioni prodotte dagli allevamenti intensivi che andrebbero assolutamente vietati visto che le deiezioni di questi allevamenti invece di poter diventare concime, come quelle degli animali allevati in natura, sono tossiche anche per la quantità di farmaci che vengono dati agli animali allevati in questo modo.
Per cui non capisco il tuo attacco per un semplice apprezzamento "personale" espresso da capitan1cino per una scelta, almeno per me, coerente alla definizione storica che il naturismo ha adottato.
Spero che fra i naturisti si possano esprimere liberamente le proprie idee e scelte di vita discutendone, per chi ne ha voglia, in maniera tranquilla.

P.S. Chiedo scusa per l'OT ma credo di aver espresso un punto di vista in linea con le idee di Vegan79 di cui questo topic è la sua presentazione.
Iscritto A.N.AB.
Una pagina che mi piace: https://www.facebook.com/Ripuliamo-spia ... 002200079/
Gli adulti son solo bambini cresciuti male.
La normalità è la forma di pazzia più diffusa sul pianeta.
Avatar utente
capitan1cino
Messaggi: 2320
Iscritto il: 12/01/2012, 10:31
Località: Novara
Contatta:

Messaggio da capitan1cino » 01/10/2021, 13:27

Visto che se vuole discutere ... evitiamo di farlo in una presentazione
Alessandro
Gestione Forum Italia Naturista
Avatar utente
Andrea vi
Messaggi: 532
Iscritto il: 16/04/2012, 20:48
Località: Vicenza

Messaggio da Andrea vi » 01/10/2021, 13:53

sia il fatto che gli allevamenti degli animali, per l'alimentazione carnea e derivati, sta contribuendo, in maniera diretta ed indiretta, alla distruzione planetaria
quello è la ricerca del profitto, non è che le deforestazioni per poter fare monoculture degli alimenti vegetali che in qualche modo sostituiscono le proteine animali non creino danno al pianeta
Avatar utente
cescoballa
Messaggi: 2424
Iscritto il: 14/01/2012, 17:48
Località: Cesano Boscone(MI)
Contatta:

Messaggio da cescoballa » 01/10/2021, 15:20

Probabilmente il nostro "Capitano" sposterà questa discussione su una più specifica su "vegetarianesimo e veganesimo" ( mi pare che ne sia già aperta una) e suo rapporto o meno con il naturismo e i suoi principi.
Questo premesso, condivido quanto hanno scritto Enrico, Andrea e Alessandro per quanto riguarda i danni all'ambiente e alla salute che può provocare un'alimentazione troppo ricca di proteine animali, in particolare quelle provenienti da allevamenti intensivi e assolutamente non rispettosi del benessere animale.
Come ho già scritto rispetto le scelte di ognuno (vegani, vegetariani, crudisti, fruttiferi e onnivori (io ho due figli, il primo vegetariano tendente al vegano, il secondo "carnivoro" e in mezzo ci siamo noi, io e Franca, onnivori tendenti al vegetariano); qui però mi pare di capire che il problema sia la tolleranza o meno di una categoria nei confronti dell'altra 🤨🙂.
A questo proposito vorrei ricordare che il naturismo è anche "rispetto degli altri" e questo non sempre succede tra di noi 😟.
Personalmente conosco vegani assolutamente intolleranti nei confronti degli "onnivori" arrivando ad accusarli di essere degli "assassini" perché mangiano una "fiorentina" o di augurargli un tumore perché si nutrono anche di proteine animali; così come mi è capitato di conoscere "carnivori" che deridono i vegani e che mettono in discussione il loro stato di salute (anche mentale).
Insomma, ogni integralismo, ogni "pensiero unico", ogni idea che si ritiene la sola verità è sbagliata per cui il vegano,, il vegetariano, il crudista, ecc. rispetti l' onnivoro, il carnivoro, ecc., e viceversa 🤨🙂.
Io, ad esempio sono naturista convinto ma mai mi sognerei di insultare un tessile perché non si spoglia anche se gli spiego tutto i vantaggi della pratica naturista per la sua salute e il suo benessere 😉😁.
Francesco Ballardini
Socio A.N.ITA. dal 1998.
Avatar utente
Enrico Amoroso
Messaggi: 291
Iscritto il: 19/01/2020, 3:00
Contatta:

Messaggio da Enrico Amoroso » 01/10/2021, 17:02

Andrea vi ha scritto:
01/10/2021, 13:53
sia il fatto che gli allevamenti degli animali, per l'alimentazione carnea e derivati, sta contribuendo, in maniera diretta ed indiretta, alla distruzione planetaria
quello è la ricerca del profitto, non è che le deforestazioni per poter fare monoculture degli alimenti vegetali che in qualche modo sostituiscono le proteine animali non creino danno al pianeta
Sei male informato le deforestazioni vengono fatte per coltivare monoculture finalizzate all'alimentazione degli animali da allevamento. Per "produrre" un Kg di carne servono diversi chili di soia e tantissima acqua, anche per lavare gli allevamenti, se quella soia venisse utilizzata direttamente per l'alimentazione umana servirebbe molta meno terra coltivata e sfamerebbe molte più persone.
Il problema dei vegani "estremisti" merita una riflessione a parte ovvero tu che leggi se qualcuno uccidesse tuo fratello o sorella per mangiarselo non diresti nulla? Ecco questi vegani estremisti considerano gli altri animali come fratelli e soffrono per le loro sofferenze.
Perché io non sono un vegano estremista?
Non lo sono in quanto sono ben cosciente che prima di diventare vegetariano anch'io mangiavo carne anche se da quando ho iniziato a vivere da solo, dal primo anno di università, la mangiavo solo una volta alla settimana in quanto pensavo, erroneamente, che fosse necessario mangiarla per la nostra salute ma nel contempo quando entravo in macelleria avvertivo un gran fastidio dovuto anche, oltre alla vista degli animali smembrati o appesi quasi sani, all'odore del sangue che li avvertivo.
Di articoli in merito ce ne sono tantissimi per cui ne posto uno come esempio + un video:
La bistecca inquina (molto) più della plastica. Ma non vogliamo sentircelo dire
Il primo gesto utile per salvare il pianeta dovrebbe essere la riduzione del consumo di carne. Ogni volta che sostituiamo un chilo di carne con un chilo di verdura risparmiamo al pianeta circa 15 mila litri di acqua
di Alessandro Gilioli
https://espresso.repubblica.it/attualit ... =HEF_RULLO
(peccato che l'intero articolo sia leggibile solo agli abbonati ma già la presentazione è chiara)
Video:
Iscritto A.N.AB.
Una pagina che mi piace: https://www.facebook.com/Ripuliamo-spia ... 002200079/
Gli adulti son solo bambini cresciuti male.
La normalità è la forma di pazzia più diffusa sul pianeta.
marco invernizzi
Messaggi: 26
Iscritto il: 20/07/2021, 13:44

Messaggio da marco invernizzi » 01/10/2021, 17:21

Su questo argomento i vegani dovrebbero ascoltare i medici e spiegarci perchè sono costretti ad assumere proteine...
Ok ridurre il consumo di carne altro è solo assurditá.
Per la moderazione invito a *****
@ cescoballa Certo i naturisti dovrebbero essere più inclusivi di altri, peccato che succeda sempre piú il contrario...si leggano in giro le posizioni razziste, omofobe, moraliste in molti forum e su fb. Comprese alcune espresse da associati!
Non si puó accettare sempre tutto supinamente o tentare discussioni razionali e mediazione. A volte vanno usate le maniere forti. Un cazzotto spesso vale piú di ogni pistolotto con questa gente.


Nota di moderazione: non sono ammesse critiche alla moderazione.
Avatar utente
Enrico Amoroso
Messaggi: 291
Iscritto il: 19/01/2020, 3:00
Contatta:

Messaggio da Enrico Amoroso » 01/10/2021, 17:40

marco invernizzi ha scritto:
01/10/2021, 17:21
Su questo argomento i vegani dovrebbero ascoltare i medici e spiegarci perchè sono costretti ad assumere proteine...
I vegani assumono proteine vegetali, soprattutto dai legumi, l'unica carenza che possono avere è quella della vitamina B12 per cui è sufficiente prendere un integratore. Il problema deriva dal fatto che in natura gli animali che mangiano frutta e semi, non volendo ovvero diciamo casualmente, mangiano anche degli insetti e tramite loro non hanno carenza di B12 mentre i vegani umani evitano gli insetti. Comunque conoscendo onnivori che prendono mediamente molti più farmaci ed integratori dei vegani nel prendere una pillola di B12 ogni tanto o giornalmente, secondo la necessità, non vedo un grande problema.
marco invernizzi ha scritto:
01/10/2021, 17:21
Ok ridurre il consumo di carne altro è solo assurditá.
ASSURDITA' una parola piena di effetto ma che non dice nulla per cui invece di stigmatizzare quello che pensi con parole ad effetto spiega perché è un'ASSURDITA' potresti anche convincermi.
Iscritto A.N.AB.
Una pagina che mi piace: https://www.facebook.com/Ripuliamo-spia ... 002200079/
Gli adulti son solo bambini cresciuti male.
La normalità è la forma di pazzia più diffusa sul pianeta.
Avatar utente
sergino
Messaggi: 2761
Iscritto il: 04/02/2012, 15:02
Località: Caprino Bergamasco, sono un componente del Consiglio Direttivo di A.N.ITA.
Contatta:

Messaggio da sergino » 02/10/2021, 11:19

Purtroppo in questi giorni sono stato lontano dal computer ed intervengo solo ora in questa discussione resa autonoma dal "Capitano".

Per la questione integratori, in parte ha risposto Enrico, ma voglio ricordare che nei lieviti vi sono presenti le vitamine del complesso B la B12 compresa, lieviti naturali molto utilizzati da alcuni vegani. In una alimentazione ricca e corretta i vegani in salute, potrebbero evitare di far ricorso agli integratori e non lo dico io, che vegano non sono, ma lo mettono in pratica numerosi amici che hanno fatto questa scelta, incoerenza con i loro principi ecologisti ed etici, e per questo non guardano solo alla presenza di sostanze animali, ma anche a come le cose vengono prodotte e distribuite, rendendo ancora più complicata la loro vita, ma per questo ancor di più coerente...
Poi che alcuni vegani si sappiano rendere odiosi...beh! anche molti naturisti lo sono e come scrive "Marco Invernizzi", hanno ed assumono posizioni alquanto preoccupanti e deprecabili...ma qui dovremmo aprire un'altra discussione...
Sergio
Direttivo A.N.ITA.
marco invernizzi
Messaggi: 26
Iscritto il: 20/07/2021, 13:44

Messaggio da marco invernizzi » 02/10/2021, 14:44

Non sono ammesse critiche alla moderazione...
Va bene. Prendo nota ma *****
@Sergino perchè il mio nome virgolettato?
@Eroe sono in viaggio e da cell.fatico a scrivere, ti argomenteró appena possibile scrivendo da computer.

Nota di modrrazione: non sono ammesse critiche alla morazione.
Prendi nota ed apllica. Se hai qualche questione da chiarire puoi sempre farlo in privato. Prendi questo come un richiamo, visto che reiteri lo stesso comportamento.
Avatar utente
deriva
Messaggi: 85
Iscritto il: 06/04/2015, 9:32

Messaggio da deriva » 02/10/2021, 17:23

Sono vegana da molti anni, per questioni etiche. Per me ognuno è libero di alimentarsi come preferisce (almeno i fortunati che possono scegliere...) e anche se mi mangiano cadaveri cotti o crudi sotto il naso non ho niente da ridire. Sono scelte individuali.
La mia esperienza è fatta di persone onnivore che invece mi attaccano più o meno velatamente e più o meno "con cattiveria" per la mia scelta, e ho imparato a non provare neanche più a difendere (me e) le mia ragioni, giuste o sbagliate che siano, perché questo tipo di discussioni (intendo quelle non "civili") mi fanno solo stare male.
Per qualsiasi argomento controverso, chi vuole informarsi ha ormai a disposizione tutto lo scibile disponibile in rete, sta a ognuno di noi e alla nostra sensibilità dare più credito a una posizione piuttosto che ad un'altra e scegliere da che parte stare. Vale per l'alimentazione, per la politica, per la religione, per il naturismo, per i vaccini, per qualsiasi aspetto della nostra vita.
Io ho scelto di diventare vegana quando ho preso conoscenza dell'esistenza e proliferazione degli allevamenti intensivi. E' stata una reazione istintiva e allo stesso tempo ragionata. Se questo tipo di crudele sfruttamento degli animali non fosse stato inventato, forse ora sarei ancora onnivora, chi lo sa, con ancora l'idea che una allegra fattoria dove tutti gli animali (umani e non) vengono trattati con rispetto e con una qualità di vita sostenibile possa essere un modello di sfruttamento accettabile.
PS OT: se la moderazione in questo forum non fosse come è, cioè se permettesse toni incivili o argomenti non pertinenti, non lo frequenterei più. Se altri preferiscono discussioni moderate diversamente non sono obbligati a stare qui :)
Paola
Rispondi