"Ancora bigotti", una recensione

Informazioni su cosa è il naturismo, discussioni su aspetti e problematiche inerenti la pratica naturista. Articoli, video, recensioni su libri inerenti al naturismo e alla pratica naturista.
Rispondi
Avatar utente
Alelid
Messaggi: 407
Iscritto il: 26/02/2016, 20:37

"Ancora bigotti", una recensione

Messaggio da Alelid » 19/10/2020, 22:40

Ho letto questa recensione del libro "Ancora bigotti" di Edoardo Lombardi Vallauri. In estrema sintesi, "parla del rapporto tra gli italiani e la morale sessuale, ma soprattutto parla del rapporto tra libertà e menzogna: il punto non è che cosa fare a letto, ma perché mentire su quello che si fa e che conseguenze ha, questa ipocrisia, sulla società". Non ho letto il libro ma dalla recenzione pare che ci siano molte considerazioni condivisibili e interessanti.
Ve ne parlo perchè a un certo punto c'è un'osservazione sul naturismo, che non so se attribuire a Vallauri o al recensore Riccardo Manzotti.
"Nonostante la nostra penisola abbia migliaia di chilometri di coste, spesso poco accessibili, il nudismo continua a essere problematico. L’italiano medio prova vergogna e fastidio per i corpi altrui a meno che siano coperti da esigue strisce di stoffa, magari di colori brillanti. Ovviamente, non è il corpo nudo a infastidire, ma è l’esposizione della nostra natura sessuata. L’italiano deve poter vivere l’illusione che i corpi altrui non abbiano, sotto vestiti e costumi, alcuna sessualità. In un contesto sociale la sessualità, almeno a livello simbolico, deve essere stata neutralizzata. È questo lo scopo dei costumi, non coprire come si crede ingenuamente, ma segnalare che il corpo è stato momentaneamente disattivato nelle sue funzioni sessuali. In generale, nota Vallauri, le persone per bene “si vestono senza eccessiva ostentazione di parti del corpo, così si vede che non puntano al sesso in quanto tale”".
Su questa valutazione non sono d'accordo. Non so quante volte mi sono sentito dire che a molti non piace il naturismo perchè "si toglie ogni mistero" e che è molto più intrigante il "vedo e non vedo". Mi sembra semmai che lo scopo dei costumi sia all'opposto proprio quello di accentuare i caratteri sessuali, mostrare sulla base del costume indossato un maggiore o minore compiacimento del proprio corpo, stabilire gerarchie e ruoli sociali. In ultima analisi, sono il costume e l'abbigliamento in genere a esporre la "nostra natura sessuata". Paradossalmente, è proprio l'ambiente naturista quello in cui il corpo nudo è "momentaneamente disattivato nelle sue funzioni sessuali". Proprio per questo il naturismo dà tanto fastidio in un paese in cui si ritiene che, proprio per le ipocrisie e contraddizioni indicate nel libro, la reazione socialmente accettabile di fronte a una persona nuda debba essere l'ostentazione di un'immediato interesse erotico.
Alessandro e Lidia
Avatar utente
Andrea vi
Messaggi: 478
Iscritto il: 16/04/2012, 20:48
Località: Vicenza

Messaggio da Andrea vi » 20/10/2020, 7:37

In effetti al bigottume non da fastidio la natura del corpo ma il fatto che qualcuno non rispetti le loro imposizioni morali
matteo.nudo
Messaggi: 91
Iscritto il: 22/07/2020, 11:59
Località: Milano (ma sono valdostano)

Messaggio da matteo.nudo » 20/10/2020, 10:07

Spunto interessante.
Avatar utente
Enrico Amoroso
Messaggi: 125
Iscritto il: 19/01/2020, 3:00
Contatta:

Messaggio da Enrico Amoroso » 21/10/2020, 16:12

Alelid ha scritto:
19/10/2020, 22:40
... Mi sembra semmai che lo scopo dei costumi sia all'opposto proprio quello di accentuare i caratteri sessuali, mostrare sulla base del costume indossato un maggiore o minore compiacimento del proprio corpo, stabilire gerarchie e ruoli sociali. In ultima analisi, sono il costume e l'abbigliamento in genere a esporre la "nostra natura sessuata". Paradossalmente, è proprio l'ambiente naturista quello in cui il corpo nudo è "momentaneamente disattivato nelle sue funzioni sessuali". Proprio per questo il naturismo dà tanto fastidio in un paese in cui si ritiene che, proprio per le ipocrisie e contraddizioni indicate nel libro, la reazione socialmente accettabile di fronte a una persona nuda debba essere l'ostentazione di un'immediato interesse erotico.
In linea generale concordo su questa riflessione in genere chi pratica nudismo, salvo casi patologici e dintorni, è meno interessato all'apparire di chi usa costumi. Personalmente ho iniziato a praticare nudismo in quanto mi disintossica dalle "tossine" della vita quotidiana e mi dona la sensazione di vivere sul pianeta ideale, senza violenza contro viventi ed ambiente, su cui amerei vivere e non mi sono mai posto il problema del dover apparire. Oltretutto ho sempre trovato una atmosfera di richiami sessuali maggiore sulle spiagge tessili che in quelle naturiste.
Iscritto A.N.AB.
Una pagina che mi piace: https://www.facebook.com/Ripuliamo-spia ... 002200079/
Gli adulti son solo bambini cresciuti male.
La normalità è la forma di pazzia più diffusa sul pianeta.
Avatar utente
sergino
Messaggi: 2433
Iscritto il: 04/02/2012, 15:02
Località: Caprino Bergamasco, sono un componente del Consiglio Direttivo di A.N.ITA.
Contatta:

Messaggio da sergino » 21/10/2020, 21:26

Enrico Amoroso ha scritto:
21/10/2020, 16:12
Alelid ha scritto:
19/10/2020, 22:40
... Mi sembra semmai che lo scopo dei costumi sia all'opposto proprio quello di accentuare i caratteri sessuali, mostrare sulla base del costume indossato un maggiore o minore compiacimento del proprio corpo, stabilire gerarchie e ruoli sociali. In ultima analisi, sono il costume e l'abbigliamento in genere a esporre la "nostra natura sessuata". Paradossalmente, è proprio l'ambiente naturista quello in cui il corpo nudo è "momentaneamente disattivato nelle sue funzioni sessuali". Proprio per questo il naturismo dà tanto fastidio in un paese in cui si ritiene che, proprio per le ipocrisie e contraddizioni indicate nel libro, la reazione socialmente accettabile di fronte a una persona nuda debba essere l'ostentazione di un'immediato interesse erotico.
In linea generale concordo su questa riflessione in genere chi pratica nudismo, salvo casi patologici e dintorni, è meno interessato all'apparire di chi usa costumi. Personalmente ho iniziato a praticare nudismo in quanto mi disintossica dalle "tossine" della vita quotidiana e mi dona la sensazione di vivere sul pianeta ideale, senza violenza contro viventi ed ambiente, su cui amerei vivere e non mi sono mai posto il problema del dover apparire. Oltretutto ho sempre trovato una atmosfera di richiami sessuali maggiore sulle spiagge tessili che in quelle naturiste.
Be! In parte sono d'accordo pure io con la vostra riflessione, ma in parte.
Se dovessimo tenere in considerazione, la vasta schiera di frequentatori "interessati", che purtroppo frequentano i nostri stessi luoghi, risulta appropriata l'interpretazione dell'autore (o del recensore), interpretazione comunque ipocrita e frutto della stessa mentalità che ci vede talvolta marginati come se fossimo noi i soggetti patologici.
Sergio
Direttivo A.N.ITA.
Avatar utente
Enrico Amoroso
Messaggi: 125
Iscritto il: 19/01/2020, 3:00
Contatta:

Messaggio da Enrico Amoroso » 26/10/2020, 15:22

sergino ha scritto:
21/10/2020, 21:26
...
Be! In parte sono d'accordo pure io con la vostra riflessione, ma in parte.
Se dovessimo tenere in considerazione, la vasta schiera di frequentatori "interessati", che purtroppo frequentano i nostri stessi luoghi, risulta appropriata l'interpretazione dell'autore (o del recensore), interpretazione comunque ipocrita e frutto della stessa mentalità che ci vede talvolta marginati come se fossimo noi i soggetti patologici.
Bisogna mettersi dei panni di chi a causa dell'educazione avuta a casa, a scuola, nelle chiese, nei bar, ecc. si è costruito degli schemi mentali e tutto quello che va fuori da questi schemi lo destabilizza per cui non accetta o non capisce l'esistenza dei gay, dei trans ed altre tendenze sessuali ancora più complesse, dei nudisti e/o naturisti, di coloro che la pensano politicamente in maniera diversa, ecc. ecc.
Io per fortuna non ho avuto briglie mentali dai miei genitori e non li ho mai sentiti sfottere o denigrare chicchessia pur se a volte hanno espresso opinioni quantomeno perplesse su questioni della vita. Forse anche perché mi sono fatto sempre 1000 domande cercando di capire invece di condannare senza appello e forse anche perché sono stato un appassionato lettore di fantascienza in cui spesso si rompono gli schemi mentali "bigotti" e si possono immaginare altri mondi possibili. Ciò non toglie che probabilmente anche io ho dei limiti oltre i quali mi "destabilizzo" di sicuro la violenza verso tutti i viventi e verso l'ambiente non riesco a comprenderla in quanto la ritengo fuori da ogni forma di razionalità possibile come mi destabilizzano coloro che credono a qualsiasi cosa che vedono o ascoltano su YouTube e nel web anche se poi girano, in questi canali, anche cose abbastanza o molto serie.
Boh mi sa che sono uscito un po' fuori tema :roll:
Iscritto A.N.AB.
Una pagina che mi piace: https://www.facebook.com/Ripuliamo-spia ... 002200079/
Gli adulti son solo bambini cresciuti male.
La normalità è la forma di pazzia più diffusa sul pianeta.
Rispondi