Divieto di fumo in spiagge naturiste

Informazioni su cosa è il naturismo, discussioni su aspetti e problematiche inerenti la pratica naturista. Articoli, video, recensioni su libri inerenti al naturismo e alla pratica naturista.
Avatar utente
Dingopino
Messaggi: 172
Iscritto il: 08/07/2017, 22:20

Re: Divieto di fumo in spiagge naturiste

Messaggio da Dingopino » 16/08/2019, 15:08

Anche io sono un ex fumatore ma da quando avevo il cancro al polmone non ci penso nemeno di fumare
Il odore mi da anzi schifo e lo vedo come minaccia per la mia salute ma finché chi fuma sta lontano da me mi importa nulla se si rovina la salute
Quello che noto non solo ora ma anche quando fumavo e che mentre quasi tutti educati non buttano carta e plastica o scarti di imballaggio in strada con le mozziconi e diverso spesso non vengono considerati spazzatura come altre cose
Ma un naturista per me non è solo uno che mette il pisello al vento ma uno che si cura si vuole bene e rispetta il prossimo e il ambiente se no rimane magari sempre una persona simpatica nudo ma del naturismo non ha nulla
Nudo e semplicemente bello.
Avatar utente
sergino
Messaggi: 2024
Iscritto il: 04/02/2012, 15:02
Località: Caprino Bergamasco, sono un componente del Consiglio Direttivo di A.N.ITA.
Contatta:

Messaggio da sergino » 16/08/2019, 23:46

L'origine del naturismo si fonda anche sul salutismo, con il tempo i due aspetti hanno seguito una loro loro strada ed il salutista non è detto che sia naturista e viceversa, ma vi sono dei naturisti che sono assolutamente salutisti e fanno del rispetto assoluto della natura una loro filosofia di vita.

Del naturismo delle origini rimane traccia solo nei riferimenti storici e qualche rara traccia comunque esiste ancora,
A Bologna esiste una libreria "naturista", di cui noi naturisti non ne conosciamo quasi l'esistenza e le finalità, a Barcelona la figlia di Nicola Capo, è riuscita a riavere dallo stato spagnolo parte delle proprietà confiscate all'epoca della terribile dittatura Franchista, ed aperto un ristorante naturista, dove non si mangia nudi, ma si mangia rigorosamente vegetariano!

Detto questo, allo stato attuale il naturismo si identifica essenzialmente nel promulgare la nudità sociale (lo star nudi assieme ad altri) e molte delle tesi che lo animavano sono stare messe leggermente in disparte, non l' ecologismo (seppur molto abbozzato), non il suo essere apolitico, non il suo essere antirazzista (nudi siamo tutti uguali).
Tutto questo per dire che a mio parere chi fuma, su una spiaggia naturista, lo può fare tranquillamente, ma deve rispettare assolutamente, i propri vicini e deve raccogliere i propri rifiuti. Arrivare a vietare mi sembra comunque eccessivo e poi a che servirebbe, sarebbe una solo dichiarazione d'intento.
Talvolta dalle nostre spiagge non abbiamo la volontà di scacciare guardoni e maniaci vari...
Sergio
Direttivo A.N.ITA.
emmeicsics
Messaggi: 683
Iscritto il: 17/04/2012, 12:24

Messaggio da emmeicsics » 17/08/2019, 8:47

sergino ha scritto: Tutto questo per dire che a mio parere chi fuma, su una spiaggia naturista, lo può fare tranquillamente, ma deve rispettare assolutamente, i propri vicini e deve raccogliere i propri rifiuti. Arrivare a vietare mi sembra comunque eccessivo e poi a che servirebbe, sarebbe una solo dichiarazione d'intento.
Talvolta dalle nostre spiagge non abbiamo la volontà di scacciare guardoni e maniaci vari...
Senza voler divergere dall'argomento perché andremmo a finire lontano, ma se al posto di fumo si scrivesse furto o omicidio, la lettura della tua affermazione sarebbe decisamente diversa.
In un mondo ideale non ci sarebbe bisogno di leggi e norme per ogni minchiata. Nel mondo reale, dove sfortunatamente molti ritengono di poter fare ciò che vogliono a scapito degli altri, anche un piccolo divieto aiuta a far progredire la società, in particolare in una nazione dove non basta scrivere Verboten o Forbidden ma bisogna scrivere Assolutamente vietato!

ciao
Massimo
Avatar utente
Re Artú
Messaggi: 57
Iscritto il: 14/10/2016, 16:22

Messaggio da Re Artú » 17/08/2019, 10:57

emmeicsics ha scritto:
sergino ha scritto: Tutto questo per dire che a mio parere chi fuma, su una spiaggia naturista, lo può fare tranquillamente, ma deve rispettare assolutamente, i propri vicini e deve raccogliere i propri rifiuti. Arrivare a vietare mi sembra comunque eccessivo e poi a che servirebbe, sarebbe una solo dichiarazione d'intento.
Talvolta dalle nostre spiagge non abbiamo la volontà di scacciare guardoni e maniaci vari...
Senza voler divergere dall'argomento perché andremmo a finire lontano, ma se al posto di fumo si scrivesse furto o omicidio, la lettura della tua affermazione sarebbe decisamente diversa.
In un mondo ideale non ci sarebbe bisogno di leggi e norme per ogni minchiata. Nel mondo reale, dove sfortunatamente molti ritengono di poter fare ciò che vogliono a scapito degli altri, anche un piccolo divieto aiuta a far progredire la società, in particolare in una nazione dove non basta scrivere Verboten o Forbidden ma bisogna scrivere Assolutamente vietato!

ciao
Massimo
emmeicsics ha scritto:A me il fumo dà fastidio, mi dà fastidio l'odore (la puzza), mi dà fastidio e trovo antipatico dovermi occupare anche di andare a chiedere a chi sta fumando di non farlo o di andare altrove.
In spiaggia o ovunque all'aria aperta mi aspetto di respirare aria possibilmente pulita e non puzzolente.
E non credo proprio che questo abbia a che vedere con rispetto o tolleranza.
Siccome non sono io a "sporcare" l'aria, non vedo perché dovrei essere io a preoccuparmi di come tira il vento, della distanza da altre persone, di essere cortese o non cortese.

ciao
Massimo
Mi trovo perfettamente d'accordo con quanto espresso da Massimo.

Aggiungo che l’inquinamento prodotto dai molti fumatori che lasciano le cicche in spiaggia, è quello più tangibile ma non è il solo; i fumatori in spiaggia producono anche un’altra forma di inquinamento: il fumo passivo. Ormai ci sono molti studi autorevoli che attestano quanto sia dannoso per l’aria (patrimonio di tutti) e quindi per l’essere umano, anche in spazi aperti. Non mi dilungo poiché l’argomento è ampiamente trattato scientificamente anche dai media, basta solo informarsi; allego comunque almeno un collegamento ad un video, trasmesso da Le Iene, dove viene spiegato da autorevole specialista in materia: Vorrei comunque umilmente segnalare che il “naturista” dovrebbe essere da esempio in questo tipo di battaglie palesemente ecologiche. Questa volta ci sono d’esempio chi frequenta le spiagge non naturiste…
Giuseppe
"Il miglior fare è il non fare" (Masanobu Fukuoka)
nudomark
Messaggi: 1559
Iscritto il: 12/01/2012, 17:48
Località: Como

Messaggio da nudomark » 17/08/2019, 12:14

magnum54 ha scritto:
nudomark ha scritto:La libertà è un bene prezioso.Il rispetto anche. I naturisti stanno diventando peggio dei non naturisti, anti tutto quello che non gli garba.
...io l’ho scritto che egoisticamente parlando essendo non fumatore sono di parte. ;)
Ma comunque, quegli anti di cui parlavamo io e Francesco (nella sua risposta), al limite appartengono al passato.
Al giorno d’oggi al contrario, mi sembra di capire che che Anita non sia proprio anti niente. Costume a parte ovviamente... ;)

Non sto alludendo ad Anita ovviamente!
nudomark
Messaggi: 1559
Iscritto il: 12/01/2012, 17:48
Località: Como

Messaggio da nudomark » 17/08/2019, 12:22

Dopo aver letto alcuni interventi penso inizierò a fumare...

A loro chiedo se per coerenza:
1) circolano solo a piedi e in bicicletta SEMPRE.(quindi NON usano bus, navi, aerei, treni che usano corrente che viene prodotta con inquinanti fossili)
2) NON usano MAI riscaldamento in casa in inverno.
3) Non usano cibi con imballo.
4) NON mangiano mai carne di allevamento.
5) NON usano vestiti prodotti in oriente con sfruttamento della manodopera.
6) NON usano detersivi per lavare.
7) Scendono in piazza per protestare con Russia, Cina, India, Usa che inquinano in modo vergognoso ogni angolo del mondo.

Ah, già sono impegnati a discutere con chi fuma in spiaggia...
emmeicsics
Messaggi: 683
Iscritto il: 17/04/2012, 12:24

Messaggio da emmeicsics » 17/08/2019, 15:08

nudomark ha scritto:Dopo aver letto alcuni interventi penso inizierò a fumare...

A loro chiedo se per coerenza:
1) circolano solo a piedi e in bicicletta SEMPRE.(quindi NON usano bus, navi, aerei, treni che usano corrente che viene prodotta con inquinanti fossili)
2) NON usano MAI riscaldamento in casa in inverno.
3) Non usano cibi con imballo.
4) NON mangiano mai carne di allevamento.
5) NON usano vestiti prodotti in oriente con sfruttamento della manodopera.
6) NON usano detersivi per lavare.
7) Scendono in piazza per protestare con Russia, Cina, India, Usa che inquinano in modo vergognoso ogni angolo del mondo.

Ah, già sono impegnati a discutere con chi fuma in spiaggia...
Il benaltrismo è un argomento retorico piuttosto debole...

Io in particolare non mi riferivo ad aria pulita nel senso di priva di pm10, ossidi e nitrati vari, ecc. ma nel senso di aria relativamente piacevole da respirare. E come ho scritto mi aspetto di poter inspirare aria decente ovunque vada, dalla città alla spiaggia. Cerco quindi di agire di conseguenza, faccio parte di una associazione che promuove l'uso della bici, cerco di usare prodotti e detersivi ecologici, sono vegetariano. Non obbligo nessuno ad fare lo stesso ma esprimo le mie convinzioni quando capita.
Ai fumatori chiedo semplicemente di fumare lontano da chi sanno non gradire o non sanno se gradisce. Molti non ci arrivano da soli...

ciao
Massimo
Avatar utente
giuseppe isacchi
Messaggi: 327
Iscritto il: 18/01/2013, 11:14

Messaggio da giuseppe isacchi » 17/08/2019, 15:29

Dico la mia sull'argomento. Da alcuni post precedenti, a parte alcuni palesemente provocatori, che lasciano il tempo che trovano, mi sembra di capire che si gradirebbe il divieto di fumo nelle spiagge, anche naturiste. Mi sembra una cosa ridicola. Per assurdo, si dovrebbe anche proibire il peto (scusate il francesismo), in quanto si sa benissimo che il metano prodotto dai gas intestinali, contribuisce al buco dell'ozono. Davvero stiamo scadendo nel ridicolo. Come dicevano giustamente i nostri padri latini "in medio stat virtus". Quindi che i fumatori fumino tranquillamente, badando bene di non distrubare chi non gradisce e è portandosi a casa i mozziconi e i non fumatori siano più tolleranti. Con cortesia ed eduzazione si può sempre chiedere, a chi viene vicino, dopo che voi siete già sul posto, di andare un po' più distante, in quanto il fumo vi da noia. Non credo otterrete un diniego. Vivi e lascia vivere.
Giuseppe
Giuseppe Isacchi - Vice Presidente A.N.ITA. / Tesoriere
Avatar utente
capitan1cino
Messaggi: 2106
Iscritto il: 12/01/2012, 10:31
Località: Novara
Contatta:

Messaggio da capitan1cino » 17/08/2019, 15:41

Altro aspetto da considerare è che il fumo fa male sempre e comunque. È ormai assodato che aumenta il rischio di cancro ai polmoni e non solo. Un malato oncologico pesa non poco sulla collettività. Fumare non è propriamente una scelta personale.
Alessandro
Gestione Forum Italia Naturista
Avatar utente
Re Artú
Messaggi: 57
Iscritto il: 14/10/2016, 16:22

Messaggio da Re Artú » 17/08/2019, 16:26

giuseppe isacchi ha scritto:Dico la mia sull'argomento. Da alcuni post precedenti, a parte alcuni palesemente provocatori, che lasciano il tempo che trovano, mi sembra di capire che si gradirebbe il divieto di fumo nelle spiagge, anche naturiste. Mi sembra una cosa ridicola. Per assurdo, si dovrebbe anche proibire il peto (scusate il francesismo), in quanto si sa benissimo che il metano prodotto dai gas intestinali, contribuisce al buco dell'ozono.
Giuseppe
Apprezzo molto il garbo con cui esprimi la tua opinione, indice di intelligenza e tolleranza. Mi trovo però a farti notare che il paragone non è calzante. Le due le due azioni, fare il “peto” o fumare, sono la prima un naturale bisogno fisiologico la seconda no.
Giuseppe
"Il miglior fare è il non fare" (Masanobu Fukuoka)
Rispondi