Comportamenti ecologici e consumo critico

Informazioni su cosa è il naturismo, discussioni su aspetti e problematiche inerenti la pratica naturista. Articoli, video, recensioni su libri inerenti al naturismo e alla pratica naturista.
Avatar utente
magnum54
Messaggi: 581
Iscritto il: 28/07/2018, 15:55

Comportamenti ecologici e consumo critico

Messaggio da magnum54 » 29/03/2019, 8:03

“...Così tra questa
Immensità s'annega il pensier mio:
E il naufragar m'è dolce in questo mare.”
[G. Leopardi (l’infinito)]. :evil:

Lo so, lo so, non si tratta di spiaggia...
Allegati
9A6336BF-F24C-428C-A75C-58D28E12FB71.jpeg
Ciao.
dario, per gli amici magnum 👨🏼‍🦳
luzypan
Messaggi: 344
Iscritto il: 29/08/2017, 10:06

Messaggio da luzypan » 31/03/2019, 22:40

Il mare porta la plastica sulle spiagge ma una parte di questa è finita nello stomaco di questo capodoglio
https://www.lastampa.it/2019/03/31/soci ... agina.html

Il problema non si può risolvere se non con la tecnologia robotica che nel futuro si dovrà occupare della bonifica dell'intero pianeta.

La nostra idea di pulire le spiagge è tuttosommato un fatto di estetica naturista. Mettiamoci il cuore in pace, non facciamo nulla per il pianeta pulendo una spiaggia, rendiamo solo più bella la stessa agli occhi di una minoranza.

Il che non significa che non lo si debba fare. Ma non carichiamo queste azioni di valori che non hanno e non potranno mai avere.
Avatar utente
marchino
Messaggi: 78
Iscritto il: 12/04/2016, 21:28

Messaggio da marchino » 31/03/2019, 23:02

Se la plastica è finita in mare vuol dire che qualcuno ce l'ha buttata.
Come ho già specificato dall'inizio è più facile tenere pulito che dover pulire poi dopo, dovendo magari inventare per questo problema chissà quali macchinari, se poi non cerchiamo neppure di ripulire dove possibile forse tutto questo ce lo siamo andati a cercare.
luzypan
Messaggi: 344
Iscritto il: 29/08/2017, 10:06

Messaggio da luzypan » 31/03/2019, 23:33

La plastica è parte integrante della vita degli umani. Siamo pieni di plastica. E non ne possiamo fare a meno.

L'idea che tutta la plastica che finisce in mare sia stata buttata per incuria umana è un'idea falsa. Basti pensare alle mareggiate che spazzano chilometri di coste portando via ogni cosa.

La questione quindi si risolve solo in un modo, ossia con la tecnologia robotica in grado di bonificare il pianeta. Se non crediamo in questo significa che diamo per scontato che le milioni di discariche di rifiuti sparse per il pianeta si autoestingueranno da sole negli anni a venire.

in altre parole abbiamo già sporcato, direttamente e spesso indirettamente. Quindi è nostra responsabilità certamente tentare di sporcare di meno ma sopratutto occorre ripulire al più presto dove abbiamo sporcato. E tu vai a pulire l'ìoceano pacifico col retino...
Avatar utente
marchino
Messaggi: 78
Iscritto il: 12/04/2016, 21:28

Messaggio da marchino » 01/04/2019, 9:27

Le barche per ripulire la superficie dell'acqua da rifiuti galleggianti esistono già da molto tempo, soltanto che come sempre il problema è che sono un costo utilizzarle e mantenerle e come è spesso radicato nella nostra mentalità umana non avendo un ritorno in fattore economico non conviene farne un uso massiccio, ma limitarsi a pulire lo stretto necessario, dimenticandoci di come lasceremo in mano il mondo alle generazioni a venire. Per la questione del retino se fossimo più di un miliardo a tentare di pulire il mare forse qualcosa riusciremmo a fare, ma a quanto pare preferiamo parlarne fare manifestazioni, creare protocolli ma alla fine non se ne fa più nulla, se poi mi stai dicendo di andare a scopare il mare questo è un altro discorso.
luzypan
Messaggi: 344
Iscritto il: 29/08/2017, 10:06

Messaggio da luzypan » 02/04/2019, 16:33

Bene, cominciamo ad intenderci.

La tecnologia c'è già ma deve essere perfezionata e soprattutto applicata; se ci sono robotini per tagliare l'erba e pulire casa non vedo perché non immaginarsi un robotino che dreni la sabbia della Lecciona così il nostro amico Dingopino la smette di fare il lavoro che dovrebbero fare i cosiddetti operatori ecologici pagati dal comune di Viareggio...

Ad ogni modo nell'oceano Pacifico ci sono chiazze di plastica di dimensioni enormi; fortunatamente questa si aggrega e quindi sarebbe abbastanza facile recuperarla. Perché non lo si fa? Bella domanda...
Avatar utente
capitan1cino
Messaggi: 2261
Iscritto il: 12/01/2012, 10:31
Località: Novara
Contatta:

Messaggio da capitan1cino » 02/04/2019, 17:28

Peccato che molta plastica si frantumi fino a raggiungere le dimensioni del plantcon entrando nella catena alimentare e molta altra vada sul fondo, creando altri danni sotto la superficie.

La tecnologia aiuta certamente, ma vanno assolutamente cambiate le nostre abitudini di consumo. Pulire le spiagge aiuta a rendere consapevoli di quanta monnezza ci sia in giro ormai ovunque. Anche negli angoli più remoti. Bisogna evitare di produrre rifiuti.
Alessandro
Gestione Forum Italia Naturista
luzypan
Messaggi: 344
Iscritto il: 29/08/2017, 10:06

Messaggio da luzypan » 02/04/2019, 18:31

La microplastica, appunto recuperabile solo attraverso sofisticate tecnologie robotiche; già la sabbia delle nostre spiagge è composta in piccola percentuale da plastica spezzettata non più recuperabile a mano; ormai c'è, ma adrebbe recuperata, esattamente come le discariche già esistenti, vanno bonificate ed elmnate (pensate alla discarica di Ghemme, zona di vigneti e vini...!!!!).

Cambiare le abitudini di consumo? E qui che non siamo d'accordo. La plastica che usiamo si può riciclare, tutta. E poi la plastica passa dalle scarpe ai telefoni, dalle abitazioni alle automobili, non si tratta solo della famigerata bottiglia di plastica e del contenitore dello yogurt. Pare che nell'oceano ci siano tonnellate di reti da pesca (di plastica) abbandonate...

Evitare di produrre rifiuti? Bisogna riciclarli, non produrli è una utopia ecologista imho.
Avatar utente
sergino
Messaggi: 2414
Iscritto il: 04/02/2012, 15:02
Località: Caprino Bergamasco, sono un componente del Consiglio Direttivo di A.N.ITA.
Contatta:

Messaggio da sergino » 02/04/2019, 18:57

luzypan ha scritto:La microplastica, appunto recuperabile solo attraverso sofisticate tecnologie robotiche; già la sabbia delle nostre spiagge è composta in piccola percentuale da plastica spezzettata non più recuperabile a mano; ormai c'è, ma adrebbe recuperata, esattamente come le discariche già esistenti, vanno bonificate ed elmnate (pensate alla discarica di Ghemme, zona di vigneti e vini...!!!!).

Cambiare le abitudini di consumo? E qui che non siamo d'accordo. La plastica che usiamo si può riciclare, tutta. E poi la plastica passa dalle scarpe ai telefoni, dalle abitazioni alle automobili, non si tratta solo della famigerata bottiglia di plastica e del contenitore dello yogurt. Pare che nell'oceano ci siano tonnellate di reti da pesca (di plastica) abbandonate...

Evitare di produrre rifiuti? Bisogna riciclarli, non produrli è una utopia ecologista imho.
Ti ci vedo a "cribbiare" (passare al setaccio), anche una sola piccolissima spiaggia. Un esercito di robot non sarebbero sufficienti ed avrebbero dei costi strutturali ed energetici insostenibili, inoltre produrrebbero tantissima di quella microplastica attraverso l'usura dei congegni meccanici...
Dobbiamo lavorare purtroppo sul concetto consumista, sia ad alti livelli che di abitudini personali o rassegnarci all'inesorabile declino della terra in cui viviamo, l'unica che abbiamo!
Sergio
Direttivo A.N.ITA.
luzypan
Messaggi: 344
Iscritto il: 29/08/2017, 10:06

Messaggio da luzypan » 02/04/2019, 19:44

sergino ha scritto:[
Dobbiamo lavorare purtroppo sul concetto consumista, sia ad alti livelli che di abitudini personali o rassegnarci all'inesorabile declino della terra in cui viviamo, l'unica che abbiamo!


Fatemi capire, l'automobile ce l'avete? la lavatrice? il cellulare e il computer?
Sono tutti beni di consumo, duraturi certamente, ma fatti in gran parte di plastica. Senza contare poi le batterie e il resto per quanto riguarda l'elettronica...

Se per Naturismo intendete tornare a vivere in una baita con il camino e la legna da ardere, badate che se tutti i cinesi lo facessero scomparirebbero le foreste del pianeta solo per scaldarsi e fare da mangiare.
Rispondi