Associazione naturista alla Fête de l'humanité 2016

Informazioni su cosa è il naturismo, discussioni su aspetti e problematiche inerenti la pratica naturista. Articoli, video, recensioni su libri inerenti al naturismo e alla pratica naturista.
emmeicsics
Messaggi: 859
Iscritto il: 17/04/2012, 12:24

Associazione naturista alla Fête de l'humanité 2016

Messaggio da emmeicsics » 20/09/2016, 11:32

Qualche idea per Fa' la cosa giusta! del prossimo anno :D

L'Apnel, una delle associazioni francesi che si occupa di promuovere il naturismo, ha potuto partecipare a questa fiera che si svolge nei pressi di Parigi a settembre.
Pare si siano divertiti parecchio...

Articolo sul forum francese VivreNu:
Les naturistes à la fête de l'humanité 2016

Video:


ciao
Massimo
Avatar utente
sergino
Messaggi: 2451
Iscritto il: 04/02/2012, 15:02
Località: Caprino Bergamasco, sono un componente del Consiglio Direttivo di A.N.ITA.
Contatta:

Messaggio da sergino » 20/09/2016, 16:59

é l'equivalente della festa dell'Unità di una volta quando non esisteva il PD. Ti immagini in Italia andare biotti dai comunisti nostrani, armati di falce e martello?
A parte le facili ilarità, la questione da noi si pone eccome, impensabile fare una presenza nudi a Festambiente, piuttosto che ad una festa di "liberazione" è già tanto che permettano lo svolgimento delle nostre piccole iniziative e quando qualcuno organizza qualcosa in cui il nudo e presente sono solo polemiche (vedi il festival rainbow di quest'estate in Friuli). Forse siamo noi in Italia che non osiamo e non sappiamo conquistarci i nostri piccoli spazi di tranquilla nudità sociale!
Sergio
Direttivo A.N.ITA.
nudomark
Messaggi: 1601
Iscritto il: 12/01/2012, 17:48
Località: Como

Messaggio da nudomark » 21/09/2016, 0:51

Molto bello! :D
Io sarei pronto per Fa la cosa Giusta! Temo non altrettanto il pubblico e la fiera... :roll:
Avatar utente
BLUESKY
Messaggi: 59
Iscritto il: 14/01/2015, 22:32
Località: Brescia

Messaggio da BLUESKY » 21/09/2016, 17:31

....bella storia! Magari fosse possibile. :P
Cla & Ele
Avatar utente
cescoballa
Messaggi: 2072
Iscritto il: 14/01/2012, 17:48
Località: Cesano Boscone(MI)
Contatta:

Messaggio da cescoballa » 05/12/2016, 21:52

Prrchè no! Cisono 30 persone disposte a stare nude allo stand di "Fa' la cosa giusta!"?
Naturalmente bisogna anche essere disposti a prendersi una multa e poi proviamo tutti insieme a ricorrere.
Francesco
Francesco Ballardini
Socio A.N.ITA. dal 1998.
Avatar utente
itaindo
Messaggi: 744
Iscritto il: 17/01/2013, 0:51
Località: Rozzan(geles) (MI)

Messaggio da itaindo » 05/12/2016, 23:26

A.N.ITA. ha un responsabile eventi: si appronta un modulo di adesione e si parte con l'iniziativa.
Rossella
nudomark
Messaggi: 1601
Iscritto il: 12/01/2012, 17:48
Località: Como

Messaggio da nudomark » 06/12/2016, 1:55

cescoballa ha scritto:Prrchè no! Cisono 30 persone disposte a stare nude allo stand di "Fa' la cosa giusta!"?
Naturalmente bisogna anche essere disposti a prendersi una multa e poi proviamo tutti insieme a ricorrere.
Francesco
Francesco io credo che il punto sia che la Fiera non è in luogo pubblico dove al limite può essere una manifestazione che può essere sanzionata o meno e che mi vede certamente concorde nel farlo in caso di necessità. (vedi protesta o problemi su una spiaggia)
Credo che magari si potrebbe sentire un parere di chi organizza la Fiera, abbiamo ottimi rapporti con loro...
Farlo senza sentirli non mi sembra corretto dato che sono loro responsabili di quanto accade nei loro padiglioni.
Li non ci possono multare le autorità, nessuno può sanzionare in una proprietà privata, al limite la fiera può denunciarci e quindi chiamare la p.s.e sicuramente il reato non è quello di atti contrari ma penso altro.
Ma poi ci sarebbero disposti? Sarebbe pubblicità positiva o negativa?
Avatar utente
capitan1cino
Messaggi: 2274
Iscritto il: 12/01/2012, 10:31
Località: Novara
Contatta:

Messaggio da capitan1cino » 06/12/2016, 18:41

Riguardo all'opportunita' o meno di quanto proposto, oltre alle possibili (probabili) sanzioni, andrebbero valutati bene pro e contro in relazione agli obiettivi della ns partecipazione in fiera. Tra questi, credo, la comunicazione di cosa sia il naturismo e chi siano i naturisti ... Meglio farlo nudi o vestiti? Chi ci dovrebbe ascoltare lo farebbe meglio nel primo o nel secondo caso? Che significato avrebbe per noi essere nudi in quel contesto? Quale sarebbe la percezione da parte del pubblico? Tutte domande che ci verrebbero poste, a cui dovremmo saper rispondere...

Riguardo alle sanzioni, penso che le autorita' potrebbero (e sarebbero a mio avviso costrette ad) intervenire in quanto i padiglioni sono luoghi, si' privati, ma aperti al pubblico.
Ci sono stati precedenti (poi archiviati) negli anni scorsi in teatro (riportati anche nel ns forum).

Penso infine che si creerebbero grane anche agli organizzatori, in quanto tenuti a vigilare sul rispetto del regolamento e della legislazione vigente.
Alessandro
Gestione Forum Italia Naturista
Avatar utente
sergino
Messaggi: 2451
Iscritto il: 04/02/2012, 15:02
Località: Caprino Bergamasco, sono un componente del Consiglio Direttivo di A.N.ITA.
Contatta:

Messaggio da sergino » 06/12/2016, 20:04

Personalmente non ci vedrei nulla di male anche lo spagliarsi in fiera, giustamente sarebbe da concordare con gli organizzatori e chi si spoglia dovrebbe essere disposto ad eventuali conseguenze che, come affermato dal Capitano, la fiera essendo in un luogo aperto al pubblico e soggetto alle inique leggi che ci riguardano.

Comunque se si volesse organizzare una cosa del genere bisognerebbe creare il contesto, magari con una performazione di Body Art, anche pubblicizzandolo, in uno spazio di tempo definito invitando gli scettici a provare quanto possa essere naturale togliersi gli abiti e socializzare...
Sergio
Sergio
Direttivo A.N.ITA.
Avatar utente
barcala74
Messaggi: 588
Iscritto il: 23/08/2015, 10:57
Località: Valsesia (VC)

Messaggio da barcala74 » 07/12/2016, 20:04

Quello che ho imparato in questi anni di dialogo con persone che non sanno nulla di naturismo e che ci indicano con le peggiori
"etichette",è che bisogna saper dialogare senza imporsi e senza creare allarmismi.
Facendoci trovare nudi in un contesto pubblico solamente per divulgare la nostra filosofia di vita, creerebbe un muro ancora più
invalicabile sul quale tutte le nostre belle speranze di perorare e diffondere la passione per il vero Naturismo, andrebbero a cozzare
creando un evento imbarazzante e controproducente alla nostra causa.
Pensando di ottenere una grande vittoria, faremmo un salto indietro bruciando anni di duro lavoro di divulgazione sincera
e trasparente.
Quello su cui si potrebbe sicuramente lavorare è l'organizzazione di un evento di divulgazione in un contesto naturista in piene regola:
creare una sorta di Open Day in centri naturisti o spiagge in cui intere famiglie possano vivere una giornata tra veri naturisti capendo
realmente i motivi che ci spingono ad abbandonare i vestiti e rilassrci in ottima compagnia
Marco Calzone
Direttivo A.N.Ita.
Rispondi