Questo sito fa uso di cookie TECNICI per raccogliere informazioni non personali e gestire l'autenticazione utente. Nelle pagine del forum possono essere presenti link e servizi di terze parti che possono raccogliere informazioni personali e non anche attraverso cookie. Proseguendo la navigazione ACCETTI le regole pubblicate nella Informativa Privacy e Cookies di cui ti invitiamo a prendere visione.

Alessandro Bonfanti

Sezione dedicata alla presentazione obbligatoria dei nuovi utenti del forum.
Solo i nuovi utenti registrati possono aggiungere argomenti, tutti gli altri possono rispondere.
Alessandro Bonfanti
Messaggi: 2
Iscritto il: 11/07/2017, 15:27
Località: Manerba del Garda
Contatta:

Alessandro Bonfanti

Messaggioda Alessandro Bonfanti » 12/07/2017, 11:39

Buongiorno a tutti!

Mi chiamo Alessandro Bonfanti, ho 30 anni, vivo da poco più di un anno a Manerba del Garda (BS), mentre il mio paese di origine è Colzate (Bg).

Da quando mi sono trasferito qui, grazie alla "testimonianza" del mio compagno, mi sono avvicinato poco alla volta alla realtà naturista, a me aliena fino ad all'ora, ma della quale ho iniziato subito a cogliere gli influssi positivi, con vivo e grato stupore, nel modo di rapportarmi con me stesso e con gli altri. Credo sia inutile, e forse ridondante, sottolineare qui come l'approccio naturista permetta di abbattere le stratificazioni sociali e culturali ponendo tutte le persone realmente ad un livello di parità, eguaglianza e, di conseguenza, di rispetto, ma permettetemi comunque di farne anche solo un breve accenno.

Il mio "battesimo di fuoco" -concedetemi di definirlo così- l'ho avuto proprio qui a Manerba, alla spiaggia della Rocca ed è con riferimento a questa specifica località che ho deciso finalmente di iscrivermi a questo forum, non solo dunque per condividere con voi le varie esperienze in relazione al naturismo -motivo che già basterebbe a motivare la mia iscrizione-, ma per tentare pure di "costruire" qualcosa.

Mi spiego meglio: penso che molti di voi conoscano la suddetta spiaggia e il fatto che il naturismo lì sia vietato, anche se praticato da parecchi anni. Ho tentato di capire le motivazioni della riluttanza cittadina e mi è parso di capire che sia legata al fatto che qui il termine "naturismo" -o sarebbe meglio dire semplicemente "nudismo", poiché pare nemmeno si conosca qui il primo sostantivo- sia associato inevitabilmente ad atti osceni e di sessualità esplicita ed esaltata. La risposta cittadina è quella di reprimere ogni attività legata alla nudità, incentivando sanzioni che però vanno per lo più a gravare sulle persone per bene piuttosto ché su i malintenzionati; per intenderci: chi è lì per prendere il sole con approccio naturista, se ne sta fermo sulla spiaggia e può essere facilmente "pizzicato", mentre chi è lì per attività di cruising se ne va a zonzo ed e molto più difficile da cogliere in flagrante. La conclusione ovvia, almeno per me, è che in questo modo il problema che vogliono risolvere i compaesani, ai quali mi associo pure io, non viene minimamente scalfito.
Ho iniziato quindi a pensare ad una proposta alternativa, volta a garantire e sorvegliare una sana attività naturista, ma parto da zero, per questo chiederei un supporto anche da parte vostra.
Ho trovato sul vostro sito lettere che rimandano a progetti simili a quelli che vorrei portare avanti personalmente anche qui.

Come primo passo, ho chiesto di essere invitato ad una riunione delle Giacche Verdi, un gruppo di volontari associatisi a tutela del parco naturale. Secondo passo previsto sarebbe quello di contattare qualcuno del comune per presentare un progetto, nel quale mi piacerebbe inserire spunti per sensibilizzare ed informare sulla realtà del naturismo.
Esistono relazioni di psicologi, sociologi, antropologi che potrebbero essere utili a questo caso?
Parliamo di un comune che vive di turismo, quindi l'apporto economico possibile dovrebbe essere sottolineato: c'è qualche economista o esperto di business planning -ammesso che abbia utilizzato io un termine corretto?

Fino ad ora ho riflettuto su queste cose, che di sicuro sono approssimative e superficiali, perciò chiedo a voi aiuto sulle modalità da intraprendere, dato che di sicuro siete già pratici.

Vi ringrazio per avermi accolto qui chiedendo pure scusa per avervi, forse, "aggredito" con un progetto appena ho messo piede qui, ma non mi piace girare attorno alle cose. Specialmente se queste si possono rivelare utili.

Di nuovo un grazie al quale si aggiunge un abbraccio.

Alessandro
Allegati
Foto presentazione.jpg
A Manerba
photo_2017-06-20_12-15-01_Fotor_Fotor.jpg
Vacanza a Pizzogreco

Avatar utente
sergino
Messaggi: 980
Iscritto il: 04/02/2012, 15:02
Località: Caprino Bergamasco, sono un componente del Consiglio Direttivo di A.N.ITA.
Contatta:

Re: Mastroalek

Messaggioda sergino » 12/07/2017, 20:53

Inizio a risponderti contraccambiando il grosso abbraccio che ci offri alla fine della tua presentazione.
Ci vorrebbero Individui che con questo piglio affrontino le questioni, come stai cercando di fare tu, altro che essere aggrediti da una proposta....
Il modo con cui stai pensando di affrontare la cosa è quello corretto l'essere solo rischia però di non portare da nessuna parte. Trovare altre persone (possibilmente della zona) sarebbe il passo necessario per riuscire ad ottenere qualcosa, ed A.N.ITA. sicuramente farà il possibile per essere in qualche modo presente.
Vi sono comunque da terer presente una serie di difficoltà che purtroppo pesano come macigni:
La prima, il tipo di frequentazione della Rocca. Nello stato di semi illegalità esistente a tutt'oggi, difficilmente il problema si riuscirà a risolverlo;
La seconda, dovrebbe sussistere un decreto di espresso divieto da parte della amministrazione locale e questo è uno scoglio enorme ed in parte insormontabile. Agli amministratori del Garda, non interessa minimamente mettersi a pensare a possibilità di turismo naturista (di diritti non ne parliamo);
Poi ci sarebbero i naturisti locali (associati e non), che hanno ormai rinunciato definitivamente ad alcuna possibilità di vivere il loro stare in nudità da quelle parti, oppure lo fanno più o meno soli in piccoli luoghi senza divulgarne l'esistenza per il rischio che vengano conosciuti e "contaminati" da questi tristi personaggi che vedono sesso dove c'è nudo!

Di quelle parti è l'ON Luigi Laquaniti, che ha presentato una proposta di legge sul naturismo in Italia.
La Lombardia ha due emendamenti all'interno della Legge Regionale sul turismo, che riguardano il naturismo e che di fatto lo avvallano.

Queste sono le uniche cose da poter usare come "grimaldello" per riuscire a far breccia all'interno delle istituzioni locali, assieme ad una campagna ben orchestrata e condotta da naturisti del posto (ovviamente con l'appoggio di A.N.ITA.), ma per far ciò servono perseveranza e costanza, nonchè una serietà ed una volontà che sembra comunque che tu abbia.

Questi sono miei pensieri, prendili comunque come tali, per poterli poi sviluppare in concreto serve anche il parere (e magari qualche idea) anche da parte del CD A.N.ITA. di cui faccio comunque parte.
Spero che la tua presentazione sia un provocazione positiva, che possa dare i suoi frutti naturisti, nella bella zona in cui abiti.
Continuiamo su questa strada utilizziamo queste pagine per vedere di riuscire comunque a coinvolgere altri "bresciani" e se lo vorrai contattami anche scrivendo una mail ad eventi@naturismoanita.it

Sergio
Sergio
Direttivo A.N.ITA.

nudomark
Messaggi: 1336
Iscritto il: 12/01/2012, 17:48
Località: Como

Re: Mastroalek

Messaggioda nudomark » 12/07/2017, 22:24

In passato fu fatta anche una manifestazione sul posto.
Socio A.N.ITA. dal 1998
http://www.naturismoanita.it

Avatar utente
Dingopino
Messaggi: 27
Iscritto il: 08/07/2017, 22:20

Re: Mastroalek

Messaggioda Dingopino » 12/07/2017, 23:28

Bella presentazione pieno di entusiasmo ti abbraccio anche io anche se solo virtualmente
Nudo e semplicemente bello. Suocio A.N.ITA dal 2016

Avatar utente
cescoballa
Messaggi: 1168
Iscritto il: 14/01/2012, 17:48
Località: Cesano Boscone(MI)
Contatta:

Re: Mastroalek

Messaggioda cescoballa » 13/07/2017, 7:23

Ciao Alessandro, benvenuto nel forum e bella presentazione.
Altro che "aggressione" ;) , avessero tutti la tua voglia di fare quelli che si iscrivono al Forum o ad un'associazione naturista :) .
Su Manerba si è detto e scritto tanto nel passato ma senza mai riuscire a risolvere la situazione e far diventare quel luogo un luogo naturista autorizzato :( .

Alcuni anni fa, come ha ricordato Marco Cattaneo, fu tentata anche una piccola "manifestazione" con distribuzione di volantini da parte di alcuni naturisti, supportati dall'A.N.ITA., con l'intento di sensibilizzare l'opinione pubblica e l'amministrazione comunale.

Purtroppo i partecipanti a questa "sensibilizzazione" si contarono sulle dita di una mano :? e il risultato fu quello di deprimerli e l'amministrazione tirò dritto per la sua strada con la famosa delbera di divieto della pratica del naturismo a Manerba :x .
Ora forse le cose sono un po' cambiate, c'è una legge regionale, quella sul turismo, che parla esplicitamente di pratica naturista ;) ; questo potrebbe essere un buon grimaldello per ritornare a proporre una ufficializzazione della spiaggia di Manerba, ma per fare questo, a mio parere, servono un paio di presupposti.
Primo:
serve che si crei un gruppo di naturisti del luogo che porti avanti questa richiesta, la formalizzi, la sostenga e ne segua l'iter; sicuramente tu potresti essere tra questi ma da solo, pur con il sostegno della nostra Associazione, riusciresti a fare ben poco ;) .
In ogni caso si può cominciare a valutare la cosa.
Secondo:
quella spiaggia non ha ha bella "fama" :? , diciamo che in giro è più conosciuta come luogo di incontri e di attività che poco hanno a che fare con il naturismo :oops: che per il naturismo vero e proprio, per cui la sua autorizzazione come spiaggia naturista non può prescindere da un "controllo" della stessa e questo non può avvenire se non con la creazione di un gruppo di naturisti che la presidi costantemente e questo anche con la collaborazione dell'amministrazione o delle autorità del luogo.
Scrivo questo non per "sbollire" il tuo entusiasmo ;) , ma per evidenziare una realtà e per farti capire che si è già cercato di affrontare la questione in altri tempi, ma forse questi non erano ancora maturi.
Sono certo però che l'attuale dirigenza dell'A.N.ITA. sarà disposta a darti tutto il supporto di cui avrai bisogno :) ma tu nel frattempo devi, a tutti i costi, iniziare a creare un gruppo di naturisti, il più possibile locale, che ti supporti e che ti dia una mano.

Ricambio il tuo abbraccio,

Francesco Ballardini
Francesco Ballardini
Socio A.N.ITA. dal 1998.

Avatar utente
cescoballa
Messaggi: 1168
Iscritto il: 14/01/2012, 17:48
Località: Cesano Boscone(MI)
Contatta:

Re: Mastroalek

Messaggioda cescoballa » 13/07/2017, 8:02

Dimenticavo di scrivere ad Alessandro che esiste già una discussione aperta su Manerba in" luoghi e spiagge naturiste in Italia" di questo forum ; lo puoi andare a vedere e scrivere anche li tutto ciò che riguarda Manerba.
Francesco Ballardini
Francesco Ballardini
Socio A.N.ITA. dal 1998.

Avatar utente
capitan1cino
Messaggi: 1518
Iscritto il: 12/01/2012, 10:31
Località: Novara
Contatta:

Re: Alessandro Bonfanti

Messaggioda capitan1cino » 13/07/2017, 17:34

Ciao Alessandro, benvenuto nel forum.
Bella presentazione, tanto ricca da scaturire interessanti discissioni che forse andrebbero poste nelle apposite sezioni (richieste/proposte).
Ben venga comunque l'entusiasmo, servono persone giovani e motivate come te per promuovere un sano naturismo.
Alessandro
Gestione Forum Italia Naturista

Alessandro Bonfanti
Messaggi: 2
Iscritto il: 11/07/2017, 15:27
Località: Manerba del Garda
Contatta:

Re: Alessandro Bonfanti

Messaggioda Alessandro Bonfanti » 17/07/2017, 10:25

Grazie delle info.

Chiedo scusa se ho posto qui le riflessioni, ma sono decisamente non pratico all'uso di questo forum. Appena riesco, allargo la riflessione dove capitan1cino mi ha suggerito.

Buona giornata!


Torna a “Presentazione utenti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti