Questo sito fa uso di cookie TECNICI per raccogliere informazioni non personali e gestire l'autenticazione utente. Nelle pagine del forum possono essere presenti link e servizi di terze parti che possono raccogliere informazioni personali e non anche attraverso cookie. Proseguendo la navigazione ACCETTI le regole pubblicate nella Informativa Privacy e Cookies di cui ti invitiamo a prendere visione.

In caso di denuncia

Sezione dedicata agli aspetti legali inerenti la pratica naturista.
Avatar utente
capitan1cino
Messaggi: 1793
Iscritto il: 12/01/2012, 10:31
Località: Novara
Contatta:

In caso di denuncia

Messaggioda capitan1cino » 21/01/2012, 17:15

La Legge italiana non vieta espressamente il nudismo. La Corte di Cassazione ha stabilito nel 2000, e per ben due volte, che non è reato nei luoghi in cui è consuetudine. Se tuttavia si viene denunciati ecco cosa fare per far valere i propri diritti.

Il naturismo NON è espressamente vietato dalla Legge italiana e viene praticato su molte spiagge.
Estremamente importante è stata la Sentenza della Corte di Cassazione n.3557 del 2000 in cui si sancisce definitivamente che il naturismo non è reato nei luoghi in cui è consuetudine.
In un'altra sentenza, la Sentenza della Corte di Cassazione n.1765 del 2000, è stato ribadito che "la nudità ... sfugge a qualsiasi rilevanza penale ... in particolari contesti settoriali (per es. di tipo naturista o salutista)."
A questa si è aggiunta una recente sentenza di piena assoluzione del tribunale di La Spezia (vedi: Sentenza di assoluzione a Guvano (SP) del 2000).
Può tuttavia capitare di venire denunciati per presunta violazione dell'art.726 del Codice Penale, ossia per aver commesso atti contrari alla pubblica decenza.

Se si è fatto naturismo in un luogo adatto, si hanno ottime probabilità di non subire nessuna conseguenza, purchè si scriva al più presto una lettera alle forze dell'ordine per informarle dei sani principi che sono alla base del Naturismo. E' questo un atto semplicissimo, ma importantissimo per il buon esito. La procedura di seguito descritta è quella da seguire dopo l'entrata in vigore, il 2 gennaio 2002, del Decreto Legislativo del 28 agosto 2000, n. 274. (Disposizioni sulla competenza penale del giudice di pace, a norma dell'art. 14 della Legge 24 novembre 1999, n. 468)

Indagini

Per prima cosa tenere ben presente che con la denuncia non si è imputati, ma solo indagati. Chiunque informato sui fatti deve far pervenire al più presto alle Forze dell'Ordine (carabinieri, polizia, etc., detti anche genericamente Polizia Giudiziaria) che hanno effettuato la denuncia, normalmente per lettera, informazioni ritenute utili sul luogo in cui veniva praticato il naturismo, in modo da chiarire che si trattava di luogo adatto e in cui il naturismo era ormai consuetudine (vedi: Lettera alle forze dell'ordine). La lettera va spedita subito dopo la denucia, ossia prima che le forze dell'ordine trasmettano gli atti al Pubblico Ministero (PM).

E' importante capire che se non si fa nulla, ovvero se non si si scrive nessuna lettera, è molto probabile che si venga chiamati a difendersi davanti al Giudice di Pace. Infatti il PM non avrà nessun elemento per stabilire che si è colpevoli o meno.

Rivolgetevi all'A.N.ITA., che come Associazione può essere determinante per poter fornire nel modo più corretto tutte le informazioni agli inquirenti.

Quando la Polizia Giudiziaria (carabinieri, polizia, etc.) che ha effettuato la denuncia e quindi ha avuto l'incarico di effettuare le indagini preliminari, trasmette la relazione al PM può chiedere:
1. l'archiviazione del caso, se ritiene che quanto segnalato non rappresenti reato;
2. l'autorizzazione a citare l'indagato davanti al Giudice di Pace, se invece ritiene che si sia commesso un reato.

Archiviazione

Se il PM accetta la richiesta di archiviazione il procedimento penale si esaurisce. E' accaduto, ad esempio, a San vincenzo (LI) nel 1994 dove le denuncie sono state archiviate, grazie anche all'intervento dell'A.N.ITA., perchè il nudismo non è stato considerato un reato.
Ottenere una copia del decreto di archiviazione è molto importante perchè può risultare utile in casi analoghi (vedi: Decreto di archiviazione a San Vincenzo (LI) del 1994).

Normalmente passano un paio di mesi prima che il fascicolo arrivi sul tavolo del PM; poi ne passano altri due prima che il PM decida se archiviare o meno. In questo periodo è estremamente utile che l'indagato si rivolga all'A.N.ITA. per poter inviare un'adeguata documentazione al PM, in modo da evidenziare chiaramente che on c'è stato reato e quindi è giusto archiviare il caso.

Citazione in giudizio

Se il caso non viene archiviato allora l'imputato viene chiamato a presentarsi davanti al Giudice di Pace, accompagnato da un avvocato di fiducia. E' possibile, anzi quasi certa, l'assoluzione con formula piena, come accaduto nel 1995 a poi ancora nel 2000 ad alcuni naturisti denunciati a Guvano, in provincia di La Spezia, sempre che si sappiano adeguatamente esporre le ragioni dei naturisti e si riportino le già citate sentenze della Corte di Cassazione (n. 1765 e n.3775 del 2000) e dei tribunali ordinari (vedi: Sentenza di assoluzione a Guvano (SP) del 2000).
Alessandro
Gestione Forum Italia Naturista

Torna a “Aspetti legali”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti