Questo sito fa uso di cookie TECNICI per raccogliere informazioni non personali e gestire l'autenticazione utente. Nelle pagine del forum possono essere presenti link e servizi di terze parti che possono raccogliere informazioni personali e non anche attraverso cookie. Proseguendo la navigazione ACCETTI le regole pubblicate nella Informativa Privacy e Cookies di cui ti invitiamo a prendere visione.

Croazia - Cres - Camping Baldarin

Informazioni e recensioni su località e strutture su dove praticare naturismo all'estero.
emmeicsics
Messaggi: 502
Iscritto il: 17/04/2012, 12:24

Croazia - Cres - Camping Baldarin

Messaggioda emmeicsics » 07/09/2017, 18:16

Siamo stati presso questo campeggio nell'ultima settimana di agosto. Tenda, piazzola Premium 28.
Il campeggio si trova in Croazia sull'isola di Cherso (Cres) all'estremità sud nota come Punta Croce (Punta Križa). Prende il nome dall'omonima insenatura che si trova nelle vicinanze.

Dall'Italia del nord ci si può arrivare in auto dal valico di Pesek (Basovizza, SS14) che diventa la statale 7 (E61) in Slovenia, poi D8 in Croazia. Qui conviene prendere l'autostrada e seguire per Rijeka (Fiume) e Krk (Veglia).
A Valbiska si prende il traghetto (100-150 posti auto) ed in mezz'ora si approda a Cherso al porto di Merag. Si prosegue verso la città di Cres, poi verso Osor (Ossero) ed infine verso Punta Križa. Dove termina la strada inizia il campeggio. Tempo impiegato da Milano: 9 ore, no particolari code, con velocità media in autostrada di 120 km/h, con una sosta rapida per carburante ed un'altra per carburante, cambio Kune e depliant vari.
Sconsiglio di usare il porto alternativo a nord dell'isola (Porozina - Brestova) perché la strada tra Cres e Porozina è molto più stretta e malconcia e il tratto della D66 che porta verso nord in Istria attraversa tutte località balneari con velocità media molto bassa (30-40 km/h). In pratica si impiega almeno un'ora in più rispetto all'altro percorso.
Il tratto di strada tra Osor e il campeggio è lungo 15 km su una strada molto stretta e accidentata. È asfaltata ma non c'è spazio per il passaggio di 2 auto contemporaneamente, ci sono moltissimi dossi e cunette. Ci sono continui slarghi di un metro nella parte sterrata. Questo è un tratto tipico. Quindi prudenza, ancora maggiore di notte perché ci sono anche animali (pecore, daini, ricci).
Attenzione per il carburante perché il benzinaio più vicino al campeggio si trova a Cres o a Lussinpiccolo (40 km).
Il campeggio di trova vicino alla località di Pogana (su alcune mappe viene invece indicata Draga) ma se usate il navigatore puntate verso Punta Križa e poi proseguite verso sud.

Il Baldarin si sviluppa per circa 2 km lungo la costa, la prima parte lungo un'insenatura che si chiama Uvala Jadrišćica, la seconda lungo un'insenatura più piccola Uvala Lučica.
Il campeggio è sia tessile che naturista, in proporzione 1/5 - 4/5.
Nella parte tessile si trovano: recèption, campo da tennis e da pallavolo, una delle spiagge sabbiose, supermercato, pizzeria.
Nella parte naturista si trova il medico (presente 24 ore su 24) e il ristorante Lučice. Ma entrambi richiedono di accedere vestiti. In particolare lo studio del medico (che si trova nella parte naturista per pochi metri) all'ingresso ha un bel cartello TEXTILE. Ogni volta che ci passavo davanti mi immaginavo il povero nudista ammalato, costretto a rivestirsi che una volta nello studio si sente dire "Si spogli, prego!"

Il campeggio è fatto prevalentemente per camper e tende, ci sono pochi bungalows e alcuni posti glamping in una zona chiusa. Le piazzole sono di tre tipi: Superior, si trovano a ridosso del mare e sono studiate in modo da usare i muretti a secco tipici dell'isola per proteggere dal vento e per fornire un accesso autonomo agli scogli prospicenti. In pratica queste piazzole hanno anche una specie di salottino dove si può prendere il sole lontano da sguardi indiscreti! (Scherzo, in pratica si ha a disposizione uno spazio privato senza dover cercare posto sugli scogli lungo la costa).
Le piazzole Premium sono normali piazzole abbastanza vicine al mare o alle spiagge sabbiose/sassose presenti, spaziose ed ombreggiate.
Le piazzole standard si trovano in tutto il resto del campeggio e sono più spartane e selvagge, in parte all'ombra di grandi alberi (nella parte centrale) in parte all'ombra degli arbusti di macchia mediterranea tipici di questa parte dell'isola. Il campeggio non è recintato se non da muretti a secco in pietra alti circa un metro che lo separano da quelle che dovevano essere terre coltivate forse a ulivo e che ora sono in stato di abbandono. Alcune zone sono proprio selvagge, ben tenute ma sembra di campeggiare in un bosco.
Probabilmente fuori stagione qui arrivano animali selvatici in visita ma nulla di pericoloso. Anche da noi, e non stavamo nella parte selvaggia, una notte abbiamo sorpreso un riccio alla ricerca di qualcuno dei nostri avanzi, quindi attenti a dove mettete i piedi.

Le zone dei servizi sono parecchie, ci sono quelli principali in muratura con bagni, docce, lavelli per i piatti, lavabo per la pulizia dei panni, lavatrici ed alcuni secondari di tipo container con lavandini e bagni.
I bagni vicino alla nostra piazzola erano perfetti, i lavandini sin troppo grandi, rubinetteria perfetta, acqua sempre calda, docce spazione, bagno per i bambini, in generale tutto pulito, forse poco educati alcunii campeggiatori che non ripulivano adeguatamente i lavandini dopo l'uso.
I lavelli per i piatti forse erano troppo pochi rispetto a quelli per i panni che ho visto usare pochissimo (6 contro 3). Forse sarebbe stato meglio fare 8 a 2. Comunque mi è capitato di aspettare una sola volta 2-3 minuti.

Il campeggio è una colonia tedesca, 80-90% tedeschi e austriaci ma prevalentemente i primi. A seguire sloveni e croati, italiani, cechi e slovacchi, qualche olandese.
Nudità rispettata ma mi pare l'atmosfera fosse molto tedesca, nel senso che c'era rispetto per chiunque, non ho assistito a nessuno scontro o lamentela perché qualcuno era vestito troppo o in costume in spiaggia. Il personale del campeggio (sempre cortese) pattuglia regolarmente in scooter elettrici o golf cart, credo più per controllare le piazzole che perché sia necessario dire a qualcuno di stare nudo.
Nonostante il campeggio sia molto grande (mi pare d'aver letto che ci stiano 3000 persone quando è pieno) la maggior parte fa vita da campeggio e non da spiaggia. Si sta nella propria piazzola a prendere il sole senza accalcarsi in spiaggia. Anche perché le "spiagge" non potrebbero certo accogliere tutti. La costa lungo il campeggio è quella tipica delle isole croate, cioè rocciosa scomoda e pungente. Ci sono 4 cale o calette sabbiose o con sassi piccoli (una tessile all'inizio del campeggio, la più grande, sabbiosa, un paio nei pressi delle grotte semi-sommerse a metà del campeggio (sassi piccoli e sassi) e Uvala Lučica (sabbiosa). Dove c'è la sabbia questa è finissima anche se non bellissima (tutta la zona di Punta Križa viene definita di tipo paludoso). La spiaggia di Uvala Lučica è frequentata soprattuto da famiglie con bambini piccoli, nell'area retrostante c'è anche un'area giochi (miniclub) dove si svolgono le attività per bambini e sportive. C'è anche un altro accesso comodo al mare nella parte più a sud est del campeggio con una specie di molo largo un metro che si immerge in mare (in realtà non è un molo ma la copertura in cemento degli scarichi che finiscono in mare al largo della costa).
Lungo tutta la costa rocciosa è stato ricavato un camminamento usando sassi e calce che permette di percorrere abbastanza agevolmente il percorso dalla punta a nord-est sino alla zona delle grotte dove si interrompe perché qui si è a picco sul mare (qualche metro d'altezza). Ci sono alcune piccole calette ricavate in mezzo agli scogli e relativamente protette dal mare.
Il mare è pulito, la temperatura dell'acqua accettabile, ricci ovunque anche se ci sono dei punti per entrare in acqua bonificati, il vento in genere non fastidioso. Non ho capito molto bene l'andamento dei venti, non c'era una regolarità mare-costa o costa-mare a seconda dell'orario. L'esposizione al vento delle piazzole dipende molto dalla posizione. La nostra ad esempio era abbastanza esposta al vento del mare mentre quella accanto era protetta dai muretti e dagli arbusti. Consiglio comunque a chi ha una tenda di fissarla molto bene, quando arriva il vento forte è molto intenso e a folate. Ovviamente mentre non eravamo in campeggio è arrivato un temporale ed il vento ha tentato di sollevarci la tenda. Grazie ai vicini che ce l'hanno tenuta.
Al confine tra parte tessile e naturista c'è un supermercato della catena Jadranka, grande e ben fornito di tutto. Prezzi di livello tedesco più che croato. Non facevo io la spesa, l'unica cosa che ho comprato è stata una brioche che costava 6 kune (cioè poco meno di un euro). L'edificio del supermercato è un obbrobbrio, un parallelepipedo arancione che non c'entra nulla con la natura circostante. Mah.
All'ingresso del market c'è uno sportello bancomat. I pagamenti con carte di credito sono accettati sia al market che alla recèption, non so nei 2 ristoranti e al bar.

Le attività organizzate dal campeggio sono minimali rispetto ad altri posti. La sera nella zona all'ingresso possono esserci musica e balli. Nella spiaggia di Uvala Lučica qualche sera si ritrovano alcuni musicisti tedeschi (chitarra, violino, flauto, voce) con un vasto repertorio di canzoni folk e rock (Dylan, Clapton, ecc.). Molto bravi ma per appassionati del genere. I musicisti ed i fan più accorati fanno probabilmente parte di coloro che vengono al Baldarin da quarant'anni e hanno molto a cuore il posto.
Non siamo andati né al ristorante né in pizzeria. Il ristorante ce l'avevamo di fronte, sulle guide se ne parla bene, era sempre pieno ma mai affollato, pesce, vista sull'insenatura, musica locale non alta.
La pizzeria fa anche asporto, prezzi milanesi (margherita 45 kune).

È presente un noleggio di kayak e canoe che organizza anche escursione in barca tra Cherso e Lussino per vedere i delfini (un po' costoso).
Il kayak da 4 per l'intera giornata costa 350 kune. Delfini: 350 kune adulti, 280 bambini.
Si possono anche noleggiare bici. In campeggio si vedono moltissime bici usate soprattutto dai camperisti (tedeschi) per muoversi internamente ma anche per girare esternamente,

Da vedere nelle vicinanze: spiagge di Meli (a piedi 45 minuti con sterrato che parte dal campeggio, in auto da Punta Križa lungo sterrato, sabbiose, acqua bassa per almeno cento metri. ( http://www.openstreetmap.org/?mlat=44.62974&mlon=14.52802#map=17/44.62974/14.52802 ). Non confondere con l'altra spiaggia di Meli, molto più a nord.
Abbiamo fatto un giro in kayak, su consiglio dell'aiuto noleggiatore ci siamo spinti verso ovest sino a qui ( http://www.openstreetmap.org/?mlat=44.6195&mlon=14.4709#map=16/44.6195/14.4709 o se preferite qui https://www.google.it/maps/@44.6190117,14.4718669,1354m/data=!3m1!1e3 ) prima di cedere a vento contrario e fame. Poi ci siamo spinti in una spiaggetta sassosa più a est, entrando anche in una piccola laguna con acqua bassa (Peskerija) usata un tempo per allevare il pesce. A domanda fatta all'aiuto noleggiatore sulla nudità su quelle spiagge, questi ci aveva risposto "ognuno fa quello che vuole" e così è stato. Pochissima gente, una 2 barche o kayak in ogni caletta. Mare bello, acqua limpidissima, molti ricci in alcuni punti.
Kayak e sup tantissimi nella zona del campeggio usati prevalentemente per andare in direzione Meli. Ma abbiamo anche visto canoe arrivare dal mare aperto, non si sa bene da dove. Ovviamente prudenza perché se si alza il vento può essere faticoso rientrare e qualunque direzione si prenda il vento è sempre contrario.
Non mi viene in mente altro. ;-)
Ci siamo trovati molto bene, l'ambiente è molto tranquillo, adatto a famiglie, natura selvaggia intorno (senza pericoli). Se si cercano divertimenti, villaggi attrezzatissimi, comodità, meglio rivolgersi altrove.
Infine con la tessera INF/FENAIT/ANITA si ottiene uno sconticino (non ho capito se in percentuale sul totale o fisso).

ciao
Massimo

Alcune foto:

daini.jpg
Daini a bordo strada nel villaggio di Punta Križa

meli.jpg
Spiaggia di Meli

lussino.jpg
La punta a sud-est del campeggio, sullo sfondo Lussino

uvala-potzpruni-pano.jpg
spiaggia lungo la costa 2-3 km ad ovest del campeggio
Ultima modifica di emmeicsics il 07/09/2017, 23:31, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
capitan1cino
Messaggi: 1603
Iscritto il: 12/01/2012, 10:31
Località: Novara
Contatta:

Re: Croazia - Cres - Camping Baldarin

Messaggioda capitan1cino » 07/09/2017, 22:38

Grazie Massimo per l'ottima e completa recensione. :-)
Alessandro
Gestione Forum Italia Naturista

emmeicsics
Messaggi: 502
Iscritto il: 17/04/2012, 12:24

Re: Croazia - Cres - Camping Baldarin

Messaggioda emmeicsics » 07/09/2017, 23:38

P.s. Non ho scritto che la zona tessile e naturista sono separate solo da una sbarra per le auto, solo chi ha apposita tessera magnetica può accedere in auto alla parte naturista. Pedoni e bici hanno libero movimento. La cosa non crea problemi.

C'è uno studio per i massaggi.

Ci sono delle specie di cassette di sicurezza che in realtà sono celle frigorifere a +5ᵒ. Probabilmente bisogna prenotarle un paio d'anni prima.

Massimo

Avatar utente
gigio
Messaggi: 26
Iscritto il: 14/11/2016, 22:28
Località: bg

Re: Croazia - Cres - Camping Baldarin

Messaggioda gigio » 08/09/2017, 19:00

Grazie Massimo
Che super recensione dettagliata,
Ottimo lavoro, secondo me tu lavoro o per il campeggio o per lonely Planet !!
Ciao
Gigi


Torna a “Localita' e strutture all'estero”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite