Questo sito fa uso di cookie TECNICI per raccogliere informazioni non personali e gestire l'autenticazione utente. Nelle pagine del forum possono essere presenti link e servizi di terze parti che possono raccogliere informazioni personali e non anche attraverso cookie. Proseguendo la navigazione ACCETTI le regole pubblicate nella Informativa Privacy e Cookies di cui ti invitiamo a prendere visione.

Strutture naturiste e discriminazioni

Informazioni su cosa è il naturismo, discussioni su aspetti e problematiche inerenti la pratica naturista. Articoli, video, recensioni su libri inerenti al naturismo e alla pratica naturista.
Avatar utente
itaindo
Messaggi: 676
Iscritto il: 17/01/2013, 0:51
Località: Rozzan(geles) (MI)

Re: Strutture naturiste e discriminazioni

Messaggioda itaindo » 15/09/2017, 12:27

Ah, dimenticavo, l'associazione a cui accenno e' federata FENAIT, il che mi sembra ancora piu' grave
Rossella

Avatar utente
Dingopino
Messaggi: 38
Iscritto il: 08/07/2017, 22:20

Re: Strutture naturiste e discriminazioni

Messaggioda Dingopino » 02/10/2017, 11:16

Per trovare una ragione e arrampicarsi sugli specchi
Una persona singola occupa piu spazzo visto che intorno a se ha confine di privaci che una coppia ha solo ai lati esterni
Mi sembra logico
Nudo e semplicemente bello. Suocio A.N.ITA dal 2016

Avatar utente
itaindo
Messaggi: 676
Iscritto il: 17/01/2013, 0:51
Località: Rozzan(geles) (MI)

Re: Strutture naturiste e discriminazioni

Messaggioda itaindo » 02/10/2017, 11:48

Ne avranno discusso al Costalunga?
Rossella

Avatar utente
capitan1cino
Messaggi: 1603
Iscritto il: 12/01/2012, 10:31
Località: Novara
Contatta:

Re: Strutture naturiste e discriminazioni

Messaggioda capitan1cino » 02/10/2017, 18:20

Ho posto personalmente la questione ai gestori. Il motivo della differenza di prezzo è il voler mantenere limitato il numero di persone singole che chiedono di accedere al campeggio. Ho risposto che da parte mia saranno accontentati (non ci andrò più) fino a che non rimuoveranno tale discriminazione. Spero cambino politica, e spero che tanti, anche coppie o famiglie, che pensano che tali pratiche debbano essere superate seguano il mio esempio. :roll:
Alessandro
Gestione Forum Italia Naturista

Avatar utente
sergino
Messaggi: 1083
Iscritto il: 04/02/2012, 15:02
Località: Caprino Bergamasco, sono un componente del Consiglio Direttivo di A.N.ITA.
Contatta:

Re: Strutture naturiste e discriminazioni

Messaggioda sergino » 02/10/2017, 20:30

Non essere così Alessandro, sarebbero altre le strutture da boicottare, non certamente le poche che permettono il naturismo ed i cui gestori stanno facendo il possibile per mantenerle pulite da frequentazioni che nel nostro mondo non sempre sono limpide.
Il problema è stato posto ai gestori, loro hanno anche dato delle risposte sensate e non hanno dato alcun segnale di chiusura verso l'osservazione fatta inerente all'ingresso delle persone sole, aspettiamo e vediamo l'evolversi delle cose.
Sergio
Direttivo A.N.ITA.

Avatar utente
capitan1cino
Messaggi: 1603
Iscritto il: 12/01/2012, 10:31
Località: Novara
Contatta:

Re: Strutture naturiste e discriminazioni

Messaggioda capitan1cino » 02/10/2017, 23:39

Sarà il listino prezzi a parlare.
Nulla di personale verso i gestori, che conosco da ancora prima che iniziassero l'avventura del Costalunga.
Alessandro
Gestione Forum Italia Naturista

Avatar utente
itaindo
Messaggi: 676
Iscritto il: 17/01/2013, 0:51
Località: Rozzan(geles) (MI)

Re: Strutture naturiste e discriminazioni

Messaggioda itaindo » 03/10/2017, 8:57

Come se essere accoppiati fosse garanzia di "rettitudine", sarà ma io continuo a sentire troppe scuse e le cose non cambiano, anzi.
Rossella

Avatar utente
sergino
Messaggi: 1083
Iscritto il: 04/02/2012, 15:02
Località: Caprino Bergamasco, sono un componente del Consiglio Direttivo di A.N.ITA.
Contatta:

Re: Strutture naturiste e discriminazioni

Messaggioda sergino » 03/10/2017, 20:17

itaindo ha scritto:Come se essere accoppiati fosse garanzia di "rettitudine", sarà ma io continuo a sentire troppe scuse e le cose non cambiano, anzi.

Io non ho parlato di coppie in contrapposizione a singoli, ho semplicemente messo in rilievo " le frequentazioni non sempre limpide" che gravitano attorno al mondo naturista!
Sergio
Direttivo A.N.ITA.

Avatar utente
Dingopino
Messaggi: 38
Iscritto il: 08/07/2017, 22:20

Re: Strutture naturiste e discriminazioni

Messaggioda Dingopino » 03/10/2017, 22:56

Penso ai malintensionati o ambigui non frega tanto il prezzo maggiorato tanto cercano cose che li vale il prezzo invece chi vuole fare solo campeggio naturista o meglio nudo se ne va da altre parte perche si sente trattato male o da qualcosa che non è
Risultato e il contrario di quello sperato
Nudo e semplicemente bello. Suocio A.N.ITA dal 2016

Avatar utente
itaindo
Messaggi: 676
Iscritto il: 17/01/2013, 0:51
Località: Rozzan(geles) (MI)

Re: Strutture naturiste e discriminazioni

Messaggioda itaindo » 03/10/2017, 23:09

sergino ha scritto:Io non ho parlato di coppie in contrapposizione a singoli, ho semplicemente messo in rilievo " le frequentazioni non sempre limpide" che gravitano attorno al mondo naturista!

Non mi riferivo a te se no ti avrei quotato e nemmeno io contrappongo le coppie ai singoli, era solo una considerazione su quanto sia aleatoria la giustificazione per tariffe di accesso differenziate. Se si parla di comportamenti " non limpidi" e' quello il problema da affrontare, non lo "status" di chi entra in una struttura: e' su quello che si deve lavorare e non ci devono essere scappatoie ne' eccezioni. E adesso ti cito:
sergino ha scritto: sarebbero altre le strutture da boicottare, non certamente le poche che permettono il naturismo ed i cui gestori stanno facendo il possibile per mantenerle pulite da frequentazioni che nel nostro mondo non sempre sono limpide.

Le "altre strutture da boicottare" quali sarebbero? Quelle che si spacciano per naturiste ma evidentemente non lo sono (e per le quali non credo si possa parlare di boicottaggio: se non sono naturiste i naturisti non dovrebbero nemmeno prenderle in considerazione) o quelle che sono riconosciute ufficialmente ma di fatto si regolano secondo convenienza e/o reciproche convenienze? Se non si e' in grado di garantire la serieta' all'interno di strutture "protette" (non e' il termine giusto ma spero che si capisca quello che intendo dire) come si puo' pensare di essere credibili quando si battaglia per una cultura naturista e spazi pubblici dove metterla in pratica?
Rossella


Torna a “Informazioni, aspetti e problemi”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti